Una pioggia di “missili” colpisce Eboue

Il campionato turco ancora protagonista per le azioni violente dei suoi tifosi

Emmanuel Eboue giocatore ivoriano del Galatasaray, durante l’ultimo derby della Super Lig calcistica turca, tra Besiktas e Galatasaray, è stato vittima di un reiterato lancio di oggetti provenienti dalle tribune dello stadio Inonu di Istanbul. I fotogrammi con estrema chiarezza ritraggono il giocatore ex Arsenal, trasformatosi suo malgrado in un bersaglio umano. Ripetutamente colpito da bottigliette, accendini e monete.

Dietro al gesto ingiustificabile dei tifosi di casa, il portavoce del club sottolinea come non ci fossero motivi razziali. A far andare su tutte le furie i tifosi sarebbe stato il comportamento del giocatore di colore, reo di essersi fatto cadere troppo facilmente durante i contrasti di gioco. Adesso il Besiktas rischia una pesante sanzione. Purtroppo il campionato turco non è nuovo ad avvenimenti di questa gravità. Durante la partita di Europa League tra Fenerbahce e Paok Salonicco della stagione 2010/2011, un giocatore greco fu vittima di un continuo lancio di oggetti in prossimità del calcio d’angolo. La scena che però difficilmente può essere dimenticata è quella relativa al derby tra Galatasaray e Fenerbahce nel 2009. In quel caso dovette intervenire addirittura la polizia con alcuni scudi per proteggere un calciatore e consentirgli di battere un calcio d’angolo, nel frattempo il manto erboso era pieno all’inverosimile di oggetti di ogni tipo, tra cui centinai di bottigliette piene di ogni sorta di liquido. Il caso di Eboue si somma agli accadimenti precedenti, in un campionato purtroppo tristemente famoso per questi eventi.

di Dario De Luca

21 novembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook