Parolo affonda il Napoli: al Tardini il Parma si impone per 1-0

Parolo affonda il Napoli: al Tardini il Parma si impone per 1-0

Il Parma conquista 3 punti pesantissimi grazie all’unica rete del match firmata nella ripresa da Parolo, che proprio ai partenopei segnò il suo primo gol in seria A. Il Napoli invece, che  non perdeva al Tardini dal Maggio del 2001,incassa la sesta sconfitta di questo campionato e frena la sua rincorsa al secondo posto.

Primo Tempo

La prima occasione del match è per il Napoli che al 10’minuto trova la rete del vantaggio con Fernandez, ma il gol viene annullato per posizione di fuorigioco del centrale difensivo di Benitez. La partita è caratterizzata nella prima frazione di gioco da un sostanziale equilibrio tattico, con poche occasioni da gol da una parte e dall’altra. Maggiormente propositivo è ad ogni modo il Napoli che gestisce il pallone cercando il varco giusto per far male alla squadra emiliana. Al 22’ è Higuain ad rendersi pericoloso in area ducale ma la sua conclusione è murata dall’intervento di Paletta. I gialloblù sono attenti in fasi difensiva e ripartono subito in contropiede: prima Bibiany e poi Molinaro innescano le ripartenze dei Parmensi, ma la poca lucidità degli uomini di Donadoni vanifica gli sforzi dei “crociati”. Nel finale del primo tempo la partita è spezzettata con diversi errori in fase d’impostazione delle due squadre.

Secondo Tempo

Nella ripresa il Parma intensifica il pressing alto sui portatori di palla azzurri, cercando di ribaltare immediatamente la manovra. Le due squadre sono più lunghe rispetto al primo tempo, lasciando maggiori spazi alle incursioni offensive. Al 52’sono i Ducali ad rendersi pericolosi con Biabiany che servendo un pallone tagliato in area di rigore costringe Reina all’uscita in tuffo di pugno. Il vantaggio Parmense non attarda a concretizzarsi e tre minuti più tardi con una splendida azione in soli tre passaggi i gialloblù portano Parolo ad concludere in rete dal limite dell’area di rigore fulminando Reina all’incrocio dei pali. Il gol galvanizza il Parma che al 62’va vicino al raddoppio con Schelotto, ma l’esterno di Donadoni a tu per tu con Reina perde l’attimo non controllando il lancio intelligente di Paletta. Il Napoli cerca di reagire e al 67’Jorginho serve un lob in area per Higuain che da posizione defilata conclude contro l’estremo difensore Parmense. Un minuto dopo Benitez decide di dare una svolta alla partita inserendo Mertens e Zapata al posto di Higuain e Callejon. I due nuovi innesti sembrano rivitalizzare il Napoli e al 78’ Zapata, dopo un rapido fraseggio, entra in area di rigore impattando su Mirante; l’arbitro della gara Bergonzi non ravvisa gli estremi del rigore ammonendo per simulazione il giovane attaccante colombiano. Il Napoli preme con forza e all’83’ la palla del pareggio capita sui piedi d’Insigne ma il diagonale del fantasista napoletano, servito da un cross di Mertens, termina di poco fuori. Nel finale Benitez tenta il tutto per tutto inserendo Pandev per Hamsik, ma nonostante il forcing partenopeo e i pericoli portati in area ducale da Zapata il risultato rimane inchiodato sull’1-0 per il Parma.

Dura sconfitta per gli uomini di Benitez che si trovano ora ad 12 punti dal secondo posto occupato dalla Roma. Il Parma con il successo odierno si proietta invece al 5°posto raggiungendo l’Inter a quota 50, candidandosi per un posto in Europa.

Parma (4-3-3): Mirante; Cassani, Paletta, Felipe, Molinaro; Acquah, Marchionni, Parolo (35′ st Munari); Biabiany (47′ st Cerri), Palladino (44′ st Gobbi), Schelotto. A disp.: Bajza, Pavarini, Rossini, Jankovic, Galloppa, Mauri, Sall, Obi. All.: Donadoni

Napoli (4-2-3-1): Reina; Henrique, Fernandez, Albiol, Ghoulam; Jorginho, Inler; Callejon (23′ st Mertens), Hamsik (36′ st Pandev), Insigne; Higuain (23′ st Zapata). A disp.: Doblas, Colombo, Britos, Reveillere, Mesto, Behrami, Dzemaili. All.: Benitez

Arbitro: Bergonzi

Marcatori: 10′ st Parolo

Ammoniti: Cassani, Marchionni, Acquah, Parolo (P); Zapata, Albiol (N)

di Damiano Rossi

7 aprile 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook