L’Inter non sa più vincere, a Livorno termina 2-2

L’Inter non sa più vincere, a Livorno termina 2-2

Paulinho-LivornoL’Inter sciupa l’ennesima occasione per accorciare sul quarto posto e pareggia 2-2 a Livorno. Dopo aver chiuso il primo tempo avanti di due reti, i nerazzurri calano nella ripresa e gettano via la partita con gli amaranto caparbi nel giocare fino alla fine e bravi a strappare un punto meritato.

Mazzarri rispolvera Rolando al posto di Ranocchia, conferma D’Ambrosio e preferisce Alvarez a Guarin. Di Carlo sceglie il 3-5-2 schierando Belfodil al fianco di Paulinho con Emeghara in panchina.

Primo quarto d’ora di studio e al 16’ una punizione velenosa di Emerson impegna Handanovic costretto a un intervento per sventare la minaccia. L’Inter fatica a trovare spazi, tanti gli errori soprattutto in appoggio e nella costruzione del gioco, al 28’ la prima offensiva nerazzurra è di Hernanes con un sinistro che sfila a lato di poco.

È sempre il brasiliano che dieci minuti dopo trova il vantaggio al primo vero affondo: Palacio appoggia di testa da posizione defilata, Icardi non trova il pallone e Hernanes arriva a rimorchio battendo Bardi. Gli ospiti sembrano sbloccati dopo il gol e Kuzmanovic alla fine di una bella percussione calcia forte in porta con il portiere amaranto chiamato a un grande intervento. Nel recupero i nerazzurri firmano il raddoppio con Palacio che fulmina Bardi raccogliendo al volo un cross di Jonathan, destro sul secondo palo e 2-0 per l’Inter.

È sempre “El Trenza” a impegnare il giovane portiere amaranto con un destro ravvicinato in avvio di ripresa, il Livorno non riesce a organizzare la reazione ma trova il gol da corner con uno schema perfetto che libera al tiro Paulinho, il brasiliano brucia Samuel e infila Handanovic.

La partita si riapre all’improvviso, l’Inter cerca di gestire il ritmo provando ad addormentare la sfida, Mazzarri inserisce Guarin e Zanetti per Hernanes e Jonathan con i nerazzurri che peccano di presunzione controllando troppo la gara.

Al minuto 85 è proprio il neo entrato Guarin che con uno scriteriato retropassaggio innesca Emeghara il quale supera Samuel sullo scatto e punisce Handanovic con un destro sul primo palo.

Il Livorno trova il pari sfruttando la colossale ingenuità di Guarin, l’Inter prova il disperato assalto dopo aver vanificato il doppio vantaggio e Mazzarri butta nella mischia anche Botta senza trovare il jolly.

I quattro minuti di recupero assegnati da Calvarese non regalano ulteriori ribaltoni, il Livorno acciuffa un pari insperato sfruttando gli errori dell’Inter. Finisce 2-2, un punto che non serve a nessuno ed un’altra prestazione opaca dei nerazzurri autori di un buon primo tempo e di una ripresa altamente insufficiente.

LIVORNO – INTER 2-2 (PRIMO TEMPO 0-2)
Marcatori:
37′ Hernanes, 46′ Palacio, 9′ st Paulinho, 40′ st Emeghara.
Ammoniti:
Hernanes, Castellini, Samuel, Botta.

LIVORNO (3-5-2):
1 Bardi; 33 Valentini, 23 Emerson (10′ st Duncan), 7 Castellini; 15 Mbaye, 24 Benassi, 27 Biagianti, 19 Greco (28′ st Siligardi), 11 Mesbah; 9 Paulinho, 21 Belfodil (10′ st Emeghara).
Allenatore:
Domenico Di Carlo.

INTER (3-5-2):
1 Handanovic; 35 Rolando, 25 Samuel, 5 Juan Jesus; 2 Jonathan (35′ st Zanetti), 88 Hernanes (24′ st Guarin), 17 Kuzmanovic, 11 Alvarez (41′ st Botta), 33 D’Ambrosio; 9 Icardi, 8 Palacio.
Allenatore:
Walter Mazzarri.
Arbitro:
Calvarese.

di Matteo Ciofi
01 aprile 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook