Qualificazioni europei 2012: poker per l’Irlanda del Trap,tris della Croazia. Pari del Portogallo

Una doppietta di Keane serve il poker all’Estonia (0-4), bene la Croazia (0-3 con la Turchia) e la Rep. Ceca (2-0 al Montenengro). Reti inviolate per il Portogallo in Bosnia

Nulla da fare per il Portogallo che non va oltre lo 0-0 con la Bosnia nell’andata per le qualificazioni ai prossimi europei 2012. A Zenica, la squadra di Paulo Bento, alla ricerca di un identikit di gioco, si presenta con il trio d’attacco Postiga – Nani – C. Ronaldo mentre il ct bosniaco Susic lascia l’attacco a Dzeko supportato da Lulic,Misimovic e Pjanic.

Primo tempo è tutto di marca lusitana. Ci provano ,soprattutto, gli attaccanti (uno fra tutti C.Ronaldo e  Postiga) ma i loro tiri dalla distanza non impensieriscono la difesa bosniaca. Nella ripresa il Portogallo non aumenta il ritmo, e la partita si mantiene molto equilibrata con poche fiammate  nel reparto offensivo. Le occasioni più  importanti capitano sui piedi di Ibisevic e C.Ronaldo ma il loro tiro viene rallentato dalla pioggia caduta sullo stadio Polje. Si chiude, cosi, a reti inviolate il primo round dello spareggio.

Bosnia-Erzegovina-Portogallo 0-0
Ammoniti: Salihovic (B), Postiga (P), Jahic (B)
Espulsi: nessuno

Formazioni:

Bosnia-Erzegovina (4-2-3-1)                                 Portogallo (4-3-3)

Begovic                                                                  Patricio
Salihovic                                                                Pereira
Spahic                                                                    Alves
Jahic                                                                       Pepe
Zahirovic                                                               Coentrao
Medunjanin                                                           Meireles
Rahimic                                                                 Veloso
Lulic                                                                      Moutinho
Misimovic                                                             C.Ronaldo
Pjanic                                                                     Postiga
Dzeko                                                                    Nani

All. Susic                                                              All. Paulo Bento

A Tallinn un Estonia, in fermento per una gara che vale la storia del calcio estone, si gioca la partita della vita contro i favori del pronostico. Il Trap dal canto suo non si sbilancia e schiera davanti Robbie Keane con Walters tenendo alta la concentrazione dei suoi ,per un appuntamento fondamentale ,che vale gli europei in Ucraina e Polonia. Primi dieci minuti di studio,poi, alla prima vera occasione l’Irlanda passa al 13′ con un colpo di testa di Andrews. La partita è poco spettacolare e si chiude con poche emozioni. Estonia in dieci al 34′ per l’espulsione di Stepanov. Nella ripresa l’Irlanda controlla la partita,tenendo bene la timida reazione dei padroni di casa, e colpisce nel finale. E’ Robbie Keane il protagonista della serata: prima serve l’assist a Walters,poi, realizza la doppietta personale al 71′ e 88′.Espulso al 76′ Piroja per l’Estonia. Il Trap può ormai festeggiare un altro record: portare la nazionale irlandese per la seconda volta in un europeo, 24 anni dopo (europeo 1988 ).

Estonia – Irlanda 0-4

Marcatori: 13′ Andrews (I), 67′ Walters (I), 71′ e 88′ R.Keane (I)
Ammoniti: Ahjupera (E),Pareiko (E)
Espulsi : Stepanov (E), Piiroja (E)

Formazioni:

Estonia (4-4-1-1)                                           Irlanda (4-4-2)

Pareiko                                                          Given
Klapan                                                          Kelly
Stepanov                                                       St. Ledger
Piiroja                                                           Dunne
Jaager                                                           Ward
Kruglov                                                         Duff
Vunk                                                             Andrews
Dmitrijev                                                      Whelan
Kink                                                             McGeady
Vassiljev                                                      Keane
Ahjupera                                                      Walters

All. Ruutli                                                    All. Trapattoni

A Istanbul la Turchia di Guus Hiddink subisce una pesante sconfitta in casa contro la Croazia e, dice quasi addio al prossimo europeo. Parte tutto in salita per i padroni di casa che già al 2′ vanno sotto nel risultato con il gol di Olic,bravo a metterla dentro a pochi passi dalla porta di piatto, dopo un azione travolgente sulla sinistra di un suo compagno. La reazione turca è un tiro di Arda Turan bloccato dal portiere Pletikosa. La Croazia, invece, avanza e attacca. Ci provano Mandzukic (colpo di testa a lato) e Olic (tiro centrale). Al 32′ la difesa turca si salva da un tiro di Modric che viene respinto. Sulla successiva azione lo stesso Modric allarga sulla destra per Srna che, fa partire un cross lungo, dove sul secondo palo è appostato Mandzukic che di testa trafigge il portiere Demirel. La Turchia accusa il colpo e rischia di andare ancora sotto con uno scatenato Olic.
Nella ripresa si aspetta la pressione turca nel tentativo di accorciare le distanze,ma è la Croazia ad affondare ancora. Al 51′ su una punizione di Srna, il difensore Corluka lasciato incredibilmente solo in mezzo all’area,  aumenta il vantaggio staccando di testa. La nazionale turca esce dalla scena della gara e rischia il tracollo salvata dalla poca precisione dei ragazzi di Bilic. Unica azione dei padroni di casa è un tiro di Sabri respinto dalla difesa avversaria. La Croazia domina la partita,rischia poco e chiude la gara ad inizio ripresa. Ora è quasi fatta per gli europei in cui l’hanno vista protagonista per tre volte. Niente da fare per la leggenda Hiddink che si vede sfumare un altra impresa ,dopo aver portato ai mondiali Corea del Sud e Australia.

Turchia – Croazia 0-3

Marcatori: 2′ Olic ( C), 32′ Mandzukic ( C), 51′ Corluka ( C)
Ammoniti: Corluka ( C), Dujmovic ( C), Balta (T), Emre Belozoglu (T), Olic ( C), Sarioglu (T), Turan (T)
Espulsi: nessuno

Formazioni:

Turchia (4-3-3)                                                     Croazia (4-4-2)

Demirel                                                                 Pletikosa
Balta                                                                     Vida
Korkmaz                                                               Schildenfeld
Kacar                                                                    Simunic
Gonul                                                                   Corluka
Belozoglu                                                             Srna
Inan                                                                      Modric
Sarioglu                                                                Dujmovic
Turan                                                                    Rakitic
Yilmaz                                                                  Olic
Altintop                                                                Mandzukic

All. Hiddink                                                        All. Bilic

A Praga la Rep. Ceca fatica contro il Montenegro ma vince la partita nella ripresa ipotecando cosi la qualificazione.  I padroni di casa si schierano con una sola punta Pekhart supportato da tre centrocampisti avanzati mentre il Montenegro di Brnovic si presenta con il trio d’attacco formato da Vucinic,Jovetic e Damjanovic. La gara non è emozionante, le due squadre giocano a viso aperto e per mezz’ora ci provano con tiri che non inquadrano lo specchio della porta o non impensieriscono l’estremo difensore. Al 33′ la Rep. Ceca si divora il gol con Jiracek che ,davanti al portiere (sponda di testa del suo compagno), manda alle stelle. Nella ripresa buona partenza del Montenegro che al 2′ sfiora il vantaggio con un tiro dal limite di Vukcevic su cui vola con una mano il portiere Cech. Al 63′ Rosicky lascia il pallone a Pilar, il centrocampista ceco raccoglie la palla e fa partire da trenta metri un bolide (tiro di esterno destro) che si insacca sul secondo palo facendo esplodere il tifo di Praga. I padroni di casa continuano a macinare gioco,provano diverse conclusioni respinte dalla difesa avversaria o parata dal portiere Bozovic e, trovano al 90′ il raddoppio con Sivok di testa (lasciato incredibilmente solo in area) su punizione di Rosicky. La nazionale ceca ottiene, cosi, una vittoria importante che gli consente di giocare il ritorno con più tranquillità e portare a casa la quinta partecipazione ad un europeo.

Rep. Ceca – Montenegro 2-0

Marcatori: 63′ Pilar (RC), 90′ Sivok (RC)
Ammoniti: Pavicevic (M), Dzudovic (M),Pilar (RC), Rezek (RC), Jovanovic (M), Pekovic (M)
Espulsi: nessuno

Formazioni:

Rep. Ceca (4-2-3-1)                                                     Montenegro (4-3-3)

Cech                                                                             Bozovic
Pudil                                                                            Pavicevic
Kadlec                                                                         Dzudovic
Sivok                                                                           Jovanovic
Selassie                                                                        Savic
Plasil                                                                            Vukcevic
Jiracek                                                                          Pekovic
Pilar                                                                              Drincic
Rosicky                                                                         Jovetic
Rezek                                                                            Vucinic
Pekhart                                                                          Damjanovic

All. Bilek                                                                      All. Brnovic

 

di Armin Sefiu           

13 novembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook