Milan – Atalanta 3-0, Kakà suona la carica dei 101

Milan – Atalanta 3-0, Kakà suona la carica dei 101

Non accadeva dal 19 ottobre dell’anno passato. Quasi tre mesi senza vincere in casa, in quello stadio che ha visto sfilare coppe e scudetti in una successione unica, che ha caratterizzato gli ultimi 25 anni di questo sport. Contro l’Atalanta, il Milan si rialza e ritrova quei tre punti casalinghi che tanto sono mancati alla squadra di Allegri. Un 3-0 netto solamente nell’apparenza formale, non anche negli aspetti contenutistici. Perché l’Atalanta ha sprecato l’impossibile, si è vista annullare ingiustamente un gol regolare ed è stata punita solamente dalla classe pura di Kakà, autore di una doppietta (rispettivamente il gol numero 100 e 101 in rossonero).

Allegri sorprende tutti schierando un centrocampo sperimentale formato da Cristante, alla prima da titolare, insieme a De Jong e Nocerino. Balotelli, influenzato, parte dalla panchina, lasciando spazio a Robinho e Matri. In difesa torna la coppia Mexes-Zapata.

La prima mezzora è caratterizzata dalla noia e dall’apatia di due squadre con la testa ancora in vacanza. Ci pensa Kakà ad accendere l’entusiasmo del pubblico milanista, regalandosi il gol numero 100 in rossonero con un bel colpo piazzato da posizione defilata. Decisiva, in occasione del gol, l’accelerazione di Emanuelson, abile poi a scaricare sul brasiliano.
Il gol del vantaggio scuote l’Atalanta, che mette i brividi ad Abbiati colpendo una traversa con Cristante. Il Milan però regge. L’1-0 con cui si conclude il primo tempo placa in parte il malcontento del popolo rossonero, che iniziava a rumoreggiare sugli spalti.

Nella ripresa, l’Atalanta rientra in campo convinta e determinata. Gli uomini di Colantuono confezionano due occasioni da gol in 10 minuti: prima la rete annullata a Benalouane, per una spinta lievissima su Mexes, poi Denis che tira addosso ad Abbiati da pochi passi, dopo una bella giocata Maxi Morales. Il furore agonistico atalantino, comunque, si rivela un fuoco di paglia. Allegri decide che sia giunto il momento di Balotelli e, proprio dai piedi dell’attaccante della Nazionale, arriva la rete del raddoppio, firmata ancora da Kakà, bravo a farsi trovare pronto in area piccola dopo uno stop sbagliato di Robinho a tu per tu con il portiere. Il gol del 2-0 affossa l’Atalanta, che sparisce letteralmente. Il Milan continua ad attaccare e arrotonda il risultato con Cristante, classe ’95, a segno al debutto con un tiro da fuori che sbatte sul palo e si infila in rete.
Per i bergamaschi continua la serie negativa in trasferta; per il Milan, invece, finalmente una gioia casalinga.

TABELLINO:
Milan – Atalanta 3-0

Marcatori: Kakà al 35′ p.t. e al 20′ s.t., Cristante al 23′ s.t.

Milan (4-3-2-1): Abbiati; De Sciglio, Zapata (dal 39′ s.t. Rami), Mexes, Emanuelson; Cristante, De Jong, Nocerino; Kakà, Robinho (dal 28′ s.t. Poli); Matri (dal 13′ s.t. Balotelli). PANCHINA Amelia, Coppola, Saponara, Pazzini, Bonera, Silvestre, Zaccardo. ALLENATORE: Allegri.

Atalanta (4-4-1-1): Consigli; Benalouane (dal 28′ s.t. Brienza), Stendando, Migliaccio, Brivio; Raimondi, Carmona (dal 18′ p.t. Baselli), Cigarini, Bonaventura (dal 23′ s.t. De Luca); Maxi Moralez; Denis. PANCHINA Sportiello, Giorgi, Canini, Del Grosso, Yepes, Cazzola, Marilungo, Kone, Nica. ALLENATORE: Colantuono.

Arbitro: Peruzzo di Schio.

Note: ammoniti Matri (M) e Raimondi (A) per gioco scorretto. Recuperi: 2′ p.t.; 3′ s.t.

Giuseppe Ferrara
6 gennaio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook