La Roma si prepara a far visita al Genoa

di Gabriele Serraglia

Accantonata la vittoria col Palermo, la Roma deve ritrovare subito la concentrazione e la voglia di vincere contro un Genoa, galvanizzato dalla bellissima prestazione contro la Juventus, se non vuole stazionare nel limbo della classifica e dare un segnale vero alle pretendenti ad entrare nell’Europa che conta. Luis Enrique dovrà fare a meno sicuramente di Totti, che non si è neanche allenato, Pjanic, che ha svolto lavoro differenziato, Kjaer, Rosi e Lobont. Il tecnico spagnolo recupererà qualcuno per la sfida col Milan in programma sabato alle ore 18:00 presso lo Stadio Olimpico? Su Totti c’è qualche dubbio, mentre Pjanic ce la dovrebbe fare. Per gli altri non vi è certezza.

Si è concluso alle 11:45 l’allenamento a Trigoria e poi c’è stata la conferenza stampa di Luis Enrique. Il tecnico asturiano si è mostrato felice per il risultato col Palermo ma con sincerità ha anche ammesso che ci sono molte cose che non gli sono piaciute: parlando della vittoria col Palermo e di un eventuale vittoria col Genoa ha detto: “Se sono punti sofferti come la settimana scorsa non posso trarre conclusioni positive. Come arriviamo al risultato è importantissimo. Dobbiamo ancora capire cosa vogliamo, ci sono tante situazioni che dobbiamo controllare che ancora non mi piacciono. La Roma non è ancora sicura in certe situazioni. Preferisco vincere tutte e due le partite ma non cambierebbe nulla se le vincessimo soffrendo!”. Poi incalzato dai giornalisti sull’esplosione di Lamela, li ha cautamente invitati ad aspettare prima di parlare di esplosione dicendo: “Esplosione mi sembra esagerato però. Ha fatto una partita, ha 19 anni, esplosione è quando farà così 15-20 gare. Tranquilli, ha fatto un gol, una bella gara ma ha tantissimo da lavorare!”. Per quanto riguarda la gara di Genoa ha mostrato un po’ di preoccupazione in certe situazioni di gioco dove i grifoni possono far male: “Noi faremo la nostra proposta di gioco e vedremo cosa farà l’avversario, come affronterà questa situazione. Il Genoa è una squadra forte, pericolosa in contropiede, con giocatori che possono far gol con facilità. Sarà lo stesso della giornata precedente, come al solito! Per me la Roma è in crescita rispetto al primo giorno che siamo qui. C’è stata una grandissima crescita da parte mia come allenatore e per tutto il resto dello staff. Credo che sia una Roma in grande crescita fin da subito!”. Poi ha avuto parole di elogio per De Rossi quando un giornalista gli ha riferito che Sabatini ha detto che il centrocampista di Ostia vuole rimanere a giocare a vita con la Roma: “Lui è romanista da sempre. Lui vuole rimanere perché vuole essere importante per la Roma, non credo sia importante il rapporto che ha con me. Credo abbia avuto un buon rapporto con tutti, è facile averlo con lui. Sa cosa significa essere giocatore romanista, è un calciatore di un livello top ed è un piacere aver un giocatore con questa personalità!”.
Sirene dall’Inghilterra per il mercato di Gennaio: i tabloid britannici parlano di Tevez in prestito alla Roma. Per ora sono solo voci…

 

25 ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook