Viola all’ultimo respiro. 2-1 nei secondi finali

Montella guadagna la qualificazione con una gara sofferta ma meritata. Borja Valero regala tre punti fondamentali, gara in bilico fino alla fine.
Poteva sembrare una gara facile da archiviare. I viola in Romania hanno sofferto e non poco, non sotto il livello tattico-tecnico dove sono stati superiori, ma sotto il livello realizzativo che l’ha vista sfumare notevoli occasioni. Nel finale gli uomini trascinatori, Borja Valero- Cuadrado la risolvono.
PRIMO TEMPO
Il primo tempo vede una Fiorentina ben messa in campo, superiore nel gioco, nelle individualità e feroce nelle ripartenze, con Cuadrado mattatore dalla metà campo e Joaquin pronto ad assisterlo. La prima metà di gioco è, tuttavia, sterile di occasioni decisive. Al 10′ i viola reclamano un calcio di rigore su Matos toccato in area. Al 23′ Erico atterra Matos lanciato a rete da Cuadrado, cartellino giallo, dalla punizione Alonso viene murato dalla barriera. Ancora i viola al 27′ con una splendida azione in contropiede portano Joaquin in area, Mingote, in uscita bassa, si mette tra palla e rete sul colpo sotto dell’attaccante. Al 31′ gol capolavoro e fortunoso di Eric Pereira: in mezza rovesciata colpisce la sfera che si abbassa sotto la traversa e si insacca. vantaggio Pandurii. Fiorentina in affanno e primo tempo che si chiude.
SECONDO TEMPO
Il secondo tempo vede, come prevedibile, una Fiorentina arrembante e offensiva, con mister Montella che inserisce Borja Valero al posto di uno spento Yakovenko. Il Pandurii si copre bene e concede poco ai Viola che non riescono ad essere incisivi negli ultimi venti metri. I romeni sono pericolosi nelle ripartenze. L’inerzia della partita sembra portare i romeni alla vittoria. Negli ultimi dieci minuti la Fiorentina raccoglie cioè che le spetta: la vittoria. Minuto 85 punizione dal limite destro dell’area del Pandurii, Ilicic colpisce la barriera, Cuadrado raccoglie la sfera e la mette al centro forte e tesa, Matos la impatta e pareggia. Due minuti di recupero decretati dall’arbitro. Forcing Fiorentina che, a venti secondi dalla fine, con Borja Valero porta a casa vittoria e qualificazione, con un sinistro di prima sul secondo palo.
Vittoria sofferta ma meritata per gli uomini di Montella. Qualità e determinazione portano i viola alla qualificazione matematica con largo anticipo. Una vittoria difficile ma di cuore e di carattere, arrivata nel finale di gara, a dimostrazione di una convinzione nei propri mezzi e di una condizione fisica ottima. Un generoso e fortunoso Pandurii saluta la competizione dopo essere stato in vantaggio per altre 80′.
Pandurii: Stanca (Mingote), Momcilovic, Christou, Ungurusan, Erico (41’Mamele), Buleica, Anton, Distefano (Sipo), Eric Pereira, Breeveld, Dos Santos. (A disp. Mingote, Sipo, Mamele, Cristea, Adrovic, Nicoara, Ciucur). All. Pustai.
Fiorentina: Munua, Gonzalo Rodriguez, Alonso, Roncaglia( Capezzi), Compper, Aquilani, Cuadrado, Mati Fernandez (B. Valero) , Joaquin, Yakovenko (45′ Borja Valero), Matos. (A disp. Neto, Savic, Pasqual, Tomovic, Borja Valero, Capezzi, Ilicic). All. Montella.
Ammoniti: Erico(P), Momvilovic(P), Distefano(P), Valero(F), Rodriguez(F)

Damiano Rossi (Frascati)
7 novembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook