La Fiorentina vede… Gobbi e il Parma pareggia proprio nel finale.

La Fiorentina vede… Gobbi e il Parma pareggia proprio nel finale.

C_29_articolo_1012555_lstParagrafi_paragrafo_1_upiImgParFullPer la Fiorentina doveva essere la partita del riscatto, dopo la sconfitta con l’Inter, invece alla fine è venuto fuori un pareggio che soddisfa molto il Parma e poco i viola, raggiunti nel finale dal gol dell’ex di turno Gobbi. Con questo mezzo passo falso, la squadra di Montella si allontana dal gruppo di testa e dalla capolista Roma, distante ora sette punti.

Montella contro i parmensi conferma il modulo 4 – 3- 2 – 1. A centrocampo c’è Pizzarro. In difesa Roncaglia sostituisce Tomovic e Alonso gioca al posto dell’infortunato Pasqual. Sull’altro versante, Palladino prendo il posto dello squalificato Amauri,  Gobbi e Biabiany  giocano a centrocampo e Cassani e Felipe in difesa.

La gara per i viola non inizia bene, anche perchè il Parma non intende assolutamente chiudersi in difesa. A centrocampo, i parmensi sono molto attivi e veloci con Biabiany, Gobbi e Cassani.  Unica azione pericolosa dei padroni di casa la crea Rossi con un colpo di testa che sfiora il palo. La situazione si complica per la Fiorentina quando Rossi deve uscire per infortunio. Al suo posto entra Rebic. Sul finale del primo tempo, in pieno recupero, a passare in vantaggio sono gli ospiti con Gargano che batte Neto con un tiro di sinistro scoccato dal limite dell’area e  deviato da Rodriguez.

Nella ripresa, Vargas, nella Fiorentina, sostituisce Wolski. La squadra cambia volto e al 64′ trova il pari con un colpo di testa di Rodriguez. Il gol carica i viola che al 74′ si portano in vantaggio con un potente tiro a volo di Vargas, su ottimo suggerimento di Pizarro. Il Parma però riesce ad acciuffare il pari al 93′: l’azione parte da destra cross insidioso di Biabiany che scavalca l’indeciso Neto, testa di Gobbi e palla in rete da due passi.

Fiorentina – Parma  2 – 2

Marcatori: 46′ Rodriquez ( aut), ( P ),  64′ Rodriguez ( F ),  78′ Vargas ( F), 93′ Gobbi ( P ).

di Gigi Rubino

1 ottobre 2013

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook