Confederations Cup, Brasile-Spagna 3-0: Show tutto VerdeOro al Maracanà

Confederations Cup, Brasile-Spagna 3-0: Show tutto VerdeOro al Maracanà

brasile.spagnaIl brasile si aggiudica la finale di Confederations Cup in una partita quasi a senso unico, nella quale ha trafitto la porta di una Spagna irriconoscibile per ben tre volte. Sarà stato forse il tasso di umidità molto alto o il match contro l’ Italia e il giorno in meno di riposo, ma la Spagna ne esce comunque distrutta.
La Seleção si schiera con la stessa formazione di tutto il torneo con il terzetto d’attacco Hulk, Oscar, Neymar ed in difesa la coppia Thiago Silva, David Luiz. Del Bosque risponde con Juan Mata per la prima volta titolare nel torneo, in un tridente formato da Pedro-Torres-Mata.
Una partita che si accende dopo pochi minuti con la formazione di casa che trova subito il vantaggio grazie ad un guizzo da terra di Fred su di un pallone vagante in area dopo un rimpallo tra Neymar ed Arbeloa. Sulle ali dell’entusiasmo il Brasile continua ad attaccare, sfruttando soprattutto la fascia sinistra. All’8’ sfiora già il raddoppio con un rasoterra di Oscar su assist di Neymar. Pochi minuti più tardi ancora un’occasione di Paulinho che dalla distanza cerca il pallonetto sotto la traversa. Bravo e attento Casillias che ci mette una pezza con l aiuto del palo.
La Spagna prova a scuotersi al 19’ con un tiro dalla distanza di Iniesta che Julio Cesar devia in angolo tuffandosi a ridosso del palo. Ma è il Brasile ancora ad essere più pericoloso. Questa volta sugli sviluppi di una ripartenza veloce, Fred spara alto tutto solo contro Casillias. Al 40’ una ghiotta occasione per la Spagna. Sinistro angolato di Pedro sul quale si fionda in scivolata David Luiz a pochi passi dalla linea di porta, deviando il tiro sopra la traversa. Ma il primo tempo si chiude con il raddoppio verdeoro grazie a un tiro potente di Neymar su assist di Oscar.
Il secondo tempo segue lo stesso copione del primo. Il Brasile chiude la partita ancora con Fred che raccoglie un altro assist al bacio di Oscar: l’attaccante Fluminense trafigge Casillias con un preciso rasoterra, raggiungendo Fernando Torres nella classifica dei marcatori del torneo. Per la Roja la serata nera si dimostra anche dal rigore fallito al 50’ da Sergio Ramos e dall’espulsione di Piqué per un fallo sul futuro compagno di squadra Neymar, steso da dietro mentre era lanciato verso la porta. Nel finale c è spazio ancora per un’occasione del Brasile con una conclusione di Hulk che costringe Casillias all’uscita disperata.
Le furie rosse per una notte hanno dimenticato il loro Tiki-Taka abbandonandosi alla Samba brasiliana mentre per i padroni di casa una buona prova in prospettiva della vera sfida del Mondiale 2014.13

Alessandro Righelli
1 luglio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook