Arthur – McKennie, la Juve riparte: 2-0 al Bologna

Arthur – McKennie, la Juve riparte: 2-0 al Bologna
Fonte: Sky sport

La Juventus non spreca l’occasione e riaggancia il treno per lo scudetto. Con un gol per tempo (Arthur al 15’ e McKennie al 71’) i bianconeri superano il Bologna e accorciano le distanze su Milan e Inter, entrambe frenate negli anticipi. Un 2-0 frutto di una prestazione convincente, caratterizzata grinta e buona velocità di manovra. Unica pecca, lo scarso cinismo sotto porta: sono almeno quattro le occasioni da gol gettate al vento dai padroni di casa, alcune clamorose.

Fonte: Sky sport

Pirlo lascia in panchina Morata, a cui viene preferito Kulusevski. Bernardeschi sostituisce Chiesa, non ancora al meglio. A centrocampo confermati Arthur e Bentancur, con McKennie tra le linee. In difesa gioca ancora Chiellini (De Ligt, ritrovato dopo il Covid, assiste dalla panchina).
Mihajlovic apporta una sola modifica rispetto alla vittoria contro l’Hellas Verona: Svanberg al posto di Dominguez a centrocampo.

Sblocca Arthur, poi Juve sprecona

Fonte immagine: Fantacalcio

La Juve mostra subito una manovra fluida. Arthur è il fulcro del gioco, smista palloni con grande precisione ed è efficace nei disimpegni. E al 15’ (seppur con tanta, tanta fortuna) fa anche gol: il brasiliano riceve palla sulla trequarti, scivola al momento di calciare, ma il pallone, deviato da Schouten, si infila alle spalle di Skorupski. È il primo centro in maglia bianconera per l’ex Barcellona.
A questo punto la Juventus si cimenta nello show dell’errore sottoporta. Gli attori protagonisti sono Bernardeschi, che prima manda in orbita un pallonetto e poi non riesce a infilare Skorupski da pochi passi dopo la ribattuta su Ronaldo, e Cuadrado, che spara alto il pallone del 2-0.

McKennie chiude le ostilità

Nella prima parte della ripresa i padroni di casa subiscono la pressione del Bologna. La squadra di Mihajiovic non ci sta ad uscire sconfitta dallo Stadium senza aver lottato, e si proietta in fase offensiva con determinazione e incisività. I rossoblu, però, trovano sulla propria strada uno straordinario Szczesny, che prima compie il miracolo su una follia suicida di Cuadrado, poi si distende efficacemente su un tiro a giro di Orsolini.
La fiammata del Bologna dura solo una decina di minuti. La Juve si ricompatta e torna a macinare gioco. Cuadrado ha un’altra occasione per raddoppiare, ma Skorupski è attento. Al 73’, però, il portiere ospite nulla può sul colpo di testa di McKennie, lasciato colpevolmente solo in mezzo all’area. Una rete che permette ai bianconeri di condurre la vittoria in porto senza patemi. Anzi, si registrano anche un altro paio di occasioni (sempre McKennie e Ronaldo) per arrotondare il risultato. Ma va bene così. Milano è un po’ più vicina.

Tabellino:

Juventus – Bologna 2-0

Juventus (4-4-2): Szczesny; Cuadrado, Bonucci (33′ st De Ligt), Chiellini, Danilo; McKennie (47′ st Demiral), Bentancur, Arthur (33′ st Rabiot), Bernardeschi (23′ st Morata); Kulusevski (33′ st Ramsey), Ronaldo. A disp.: Pinsoglio, Buffon, Chiesa, Di Pardo, Dragusin, Frabotta, Fagioli. Allenatore: Pirlo

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; De Silvestri (1′ st Soumaoro), Danilo, Tomiyasu, Dijks (32′ st Palacio); Schouten, Svanberg (19′ st Dominguez); Orsolini (32′ st Skov Olsen), Soriano, Vignato (1′ st Sansone); Barrow. A disp.: Da Costa, Breza, Hickey, Paz, Poli, Baldursson. All.: Mihajlovic

Arbitro: Sacchi

Marcatori: 15′ Arthur (J), 26′ st McKennie (J)

Ammoniti: Kulusevski, Chiellini, Arthur (J), Vignato, Dijks (B)

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook