Il caso è chiuso. L’Inter merita lo scudetto del 2006!

La decisione approvata a maggioranza dall FIGC

Dopo polemiche, accuse, discussioni ad iosa, cala il sipario sullo scudetto 2006, quello contestato e assegnato all’Inter a tavolino, in seguito allo scandalo Calciopoli di cinque anni fa, che vide come principale protagonista in negativo la Juventus con la famosa triade dirigenziale Moggi, Giraudo Bettega. La decisione ufficiale è arrivata dalla Figc, a termine di una riunione collegiale alla quale hanno partecipato 23 Consiglieri. Scontato l’esito del voto della delibera passata a larga maggioranza con 20 voti favorevoli, 2 astenuti e 1 solo contrario, espresso da Dante Cudicio dell’ Associazione Allenatori.

Il presidente della Lazio, Lotito e quello della Lega di serie B , Andrea Abodi, come scelta, hanno deciso di non votare. Assente alla riunione, il presidente della Lega di A, Maurizio Berretta. Immediata la reazione della Juve, con alcuni suoi tifosi presenti davanti alla sede delle Federcalcio, la quale sperava di riaprire un caso e far annullare un titolo assegnato a quei tempi all’Inter, esclusivamente per punire la squadra bianconera, dopo le prove evidenti riscontrate dalla giustizia ordinaria. La società torinese, comunque intende andare avanti con azioni legali. Al più presto quindi i dirigenti bianconeri si rivolgeranno alla giustizia amministrativa e, se sarà necessario, anche a quella internazionale, per far riaprire un caso che sembra ermeticamente chiuso. Sull’esito della sentenza è apparso chiaro il presidente Abete: ” Anche in presenza di una titolarità, la Federazione – ha  detto il massimo esponente del Calcio – avrebbe espresso comunque parere contrario alla revoca perchè rimane la separazione dei ruoli da parte del Consiglio federale rispetto agli organi di giustizia e per la pari tutela dei tesserati. Pienamente d’accordo anche il presidente del Cagliari Massimo Cellino, il quale ha dichiarato: ” Ha prevalso il buon senso. E’ andata come tutti si aspettavano”. Categorico anche il presidente dell’ Associazione calciatori Damiani Tommasi il quale  ha detto: ” Abbiamo rispettato le regole”

L.R.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook