L’Inter manca il sorpasso in vetta, col Parma finisce 2-2

L’Inter manca il sorpasso in vetta, col Parma finisce 2-2
Parma's Simone Iacoponi, left, tries to block a shot from Inter Milan's Romelu Lukaku during the Serie A soccer match between Inter Milan and Parma at the San Siro Stadium, in Milan, Italy, Saturday, Oct. 26, 2019. (AP Photo/Antonio Calanni)

Il tabellino

Inter – Parma 2-2

Inter (3-5-2): Handanovic; Godin (21′ st De Vrij), Skriniar, Bastoni; Candreva, Gagliardini (39′ Politano), Brozovic, Barella, Biraghi; L.Martinez (28′ st Esposito), Lukaku. A disposizione: Padelli, Berni, Ranocchia, Asamoah, Lazaro, Borja Valero, Dimarco. Allenatore: Conte.
Parma (4-3-3): Sepe; Darmian, Iacoponi, Gagliolo (21′ st Pezzella), Dermaku; Kucka, Scozzarella, Hernani; Kulusevski, Karamoh (26′ st Sprocati), Gervinho (39′ st Barillà). A disposizione: Colombi, Alastra, Brugman. Allenatore: D’Aversa.
Arbitro: Chiffi di Padova.
Marcatori: 23′ pt Candreva (I), 26′ pt Karamoh (P), 30′ pt Gervinho (P), 6′ st Lukaku (I)
Note: Ammoniti Barella, Candreva, Conte, Esposito, Darmian (I); D’Aversa, Sepe (P). Recupero 0’pt – 7’st.

La partita

Occasione persa. L’Inter pareggia 2-2 in casa contro il Parma e fallisce il sorpasso alla Juventus, bloccata a Lecce. Gli uomini di Conte, evidentemente sotto pressione, giocano senza la solita tranquillità. Sprecano e soffrono la velocità dei parmensi, bravi a ribaltare con le frecce Karamoh e Gervinho l’1-0 di Candreva e resistere agli assalti avversari dopo il pareggio di Lukaku. Protagonista ancora la Var, decisiva per l’assegnazione del 2-2 che Chiffi aveva annullato per fuorigioco.
Tutto confermato in classifica, dunque: i nerazzurri salgono a 22 punti, i bianconeri restano primi a quota 23.

Eppure dopo 23’ l’Inter aveva indirizzato la gara sui binari giusti grazie alla rete di Candreva (tiro dal limite dell’area deviato due volte), pienamente ritrovato dopo le ultime deludenti stagioni. L’ex laziale è il migliore dei suoi: attacca, difende, lotta, macina chilometri, segna e sforna l’assist per il 2-2. Sempre con la solita grinta.
Male invece Brozovic. Da due suoi errori arrivano le reti del Parma. Prima effettua un retropassaggio suicida su cui si avventa Karamoh, poi manca l’impatto con la palla e scatena il contropiede avversario che porta all’1-2 di Gervinho. Cresce nella ripresa, ma si mantiene comunque lontano dai suoi recenti standard in termini di palloni toccati e smistati. E se non gira lui, non gira tutta la squadra.
Il 2-2 di Lukaku cancella le venature tragiche dalla cupa tela della serata, ma l’amaro in bocca resta. Anche in considerazione di ciò che accade nel recupero: Esposito sfiora il gol da tre punti con un destro al volo fuori di pochissimo, poi toglie dalla testa del belga un pallone che poteva essere decisivo.
Il risultato finale fa comodo solo al Parma.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook