La Lazio vince e soffre. Appuntamento Europa rimandato

La Lazio vince e soffre. Appuntamento Europa rimandato

La Lazio saluta il suo pubblico giocando l’ultima partita in casa del campionato. Nel caldo di un Olimpico assolato si affrontano due squadre che scendono in campo con motivazioni differenti: i padroni di casa si giocano la chance di accedere in Europa, senza tener conto della finale di Coppa Italia, i doriani forti della loro posizione tranquilla non hanno più nulla da chiedere alla competizione. Con le gambe in campo e la testa al Friuli, dove l’Udinese contro l’Atalanta può allungare la corsa, la partita inizia. La  Sampdoria parte bene, al 7′ prima palla gol dei blucerchiati, che al 9′ ci riprovano senza impensierire Marchetti. Al 10′ la Lazio sblocca subito il risultato: angolo di Candreva, la palla finisce sul destro di Klose che gira in rete, sulla traiettoria si trova floccari che di ginocchio corregge e insacca. I biancoazzurri sono poco spumeggianti ma molto compatti e concreti, lasciando correre gli avversari e lasciandoli sfuriare con conclusioni velleitarie da fuori: al 18′ Munari tenta un diagonale che attraversa tutto lo specchio della porta, al 21′ conclusione potente di Agliardi dai 30 metri la palla finisce abbondantemente fuori. 23′ triangolazione di prima tra Klose e Floccari, quest’ultimo solo davanti a Da Costa apre troppo il tiro spedendo la sfera oltre il secondo palo. La partita offre diversi spunti interessanti: al 24′ punizione potente ma centrale di Candreva respinta dal portiere, al 25′ Poli in area su azione personale guadagna un angolo. Il finale di primo tempo vede sfumare l’occasione del raddoppio da parte dei padroni di casa con il solito Candreva che, al volo, non riesce a trovare la giusta dose di potenza, l’errore potrebbe costare caro perchè, sul ribaltamento di fronte, Icardi colpisce la traversa con una mezza torsione di destro. Nel secondo tempo, come era ovvio, la Lazio non ha fretta di accellerare i tempi lasciando ai doriani l’iniziativa. Succede ben poco i padroni di casa si barricano nella propria metà campo soffrendo, nel finale il momento più appassionante della gara: al 37′ Floccari si divora la palla del 2 a 0, al 39′ Berardi da fuori area fa tremare l’olimpico con un tiro parato da Marchetti. La Samp resta in dieci per l’infortunio di Rossini, avendo finito tutte e tre le sostituzioni, successivamente resta in nove per l’espulsione del brasiliano Renan che inveisce contro l’arbitro Romeo. Al 47′ rigore ineccepibile per la Lazio: Onazi in area viene steso, sul dischetto si presenta Candreva che, con un cucchiaio, sigla la fine delle ostilità. La Lazio soffre e vince. La diatriba per il posto in Europa si deciderà tra 90 minuti nei quali le aquile voleranno a trieste contro il Cagliari e l’Udinese affronterà fuori casa l’Inter. Tutto da decidere, tutto da vivere, tutto da soffrire.

Damiano Rossi (Frascati)

12 maggio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook