Milan – Roma 2-1, decide Cutrone allo scadere

Milan – Roma 2-1, decide Cutrone allo scadere

Termina 2-1 l’anticipo della terza giornata di Serie A tra Milan e Roma. Cutrone, all’ultimo secondo, regala ai rossoneri tre punti fondamentali per ritrovare la fiducia dopo il passo falso contro il Napoli della prima uscita stagionale.

Milan con Calhanoglu e Suso dietro all’unica punta Higuain, a secco nelle prime due uscite stagionali. A centrocampo fiducia a Biglia, Kessie e Bonaventura.
Di Francesco si affida invece al trio offensivo formato da Dzeko, Schick e Pastore. 

Solo Milan nel primo tempo Nella prima frazione di gara c’è solo una squadra in campo: il Milan. Il giudizio all’approccio alla partita degli uomini di Gattuso è decisamente positivo, con Higuain molto mobile al centro dell’attacco e gli esterni dinamici e propositivi al suo fianco. Al 16’ il Pipita ha già l’occasione per portare in vantaggio i rossoneri, ma il suo tiro di destro finisce a fil di palo. La Roma è lenta e povera di idee, impantanata in un gioco a centrocampo, statico e prevedibile, incapace di produrre più di un tiro in porta in 45 minuti.
Per il gioco visto, il Milan meriterebbe anche qualcosa in più dell’1-0, arrivato solo al 40’ con il gol di Kessie su assist di Rodriguez; ma Higuain e compagni si scontrano più di una volta con il muro difensivo alzato dai giallorossi, senza trovare la soluzione per superarlo.

Fazio riprende i rossoneri, poi Cutrone la risolve al 95′ La ripresa vede un atteggiamento delle due squadre diametralmente opposto rispetto a quello del primo tempo. La Roma si lancia in avanti, con determinazione, alla ricerca del pareggio, mentre i rossoneri sono imprecisi e distratti. Grave al 50’ l’ingenuità di Higuain, che perde palla al limite della propria area e concede a Dzeko un pericoloso tiro a giro col mancino. È il preludio al pareggio romanista, raggiunto nove minuti più tardi con Fazio, che risolve a suo favore una confusa mischia in area di rigore avversaria.
Una gioia, quella giallorossa, che appare eccessivamente effimera quando Higuain, lanciato al limite del fuorigioco, supera Olsen e insacca a porta vuota. San Siro esulta, ma l’arbitro Guida, con l’aiuto decisivo del Var, annulla la prima rete in maglia rossonera dell’argentino.
Ma, come già successo in altre occasioni, chi di Var ferisce di Var perisce: al 79’ è il Milan ad esultare per la decisione di Guida di annullare, con l’aiuto della moviola in campo, la rete del vantaggio della Roma, siglata da Zonzi.
Nell’ultimo quarto d’ora i rossoneri ci provano con maggiore convinzione. Gattuso inserisce una punta in più, sostituendo Bonaventura con Cutrone, e la scelta paga. Quando tutto sembrava finito, Higuain inventa un assist al bacio proprio per Cutrone, che, a tu per tu con Olsen, regala i tre punti ai rossoneri con un tiro preciso all’angolo destro. Gattuso e tutto il “Meazza” sono un’esplosione di gioia.

Meritano 2duerighe:

Rodriguez: spinta costante sulla fascia sinistra, il terzino svizzero ha il merito di confezionare con una grande giocata l’assist per il vantaggio di Kessie.
Calabria: ha sulla coscienza la rete del pareggio di Fazio, arrivata a seguito di un suo rinvio mal calibrato.

Il tabellino:

Milan – Roma 2-1 (primo tempo 1-0)
Marcatori: Kessie (M) al 40’; Fazio (R) al 14’, Cutrone (M) al 50’ s.t.
Milan(4-3-3): G. Donnarumma; Calabria, Musacchio, Caldara, Rodriguez (dal 31’ s.t. Laxalt); Kessie, Biglia, Bonaventura (dal 39’ s.t. Cutrone); Suso, Higuain, Calhanoglu (dal 36’ s.t. Castillejo). (Reina, A. Donnarumma, Abate, Caldara, Simic, Bertolacci, Mauri, Bakayoko, Borini). All. Gattuso.
Roma (3-4-1-2): Olsen; Fazio, Manolas, Marcano (dal 1’ s.t. El Shaarawy); Karsdorp (dal 32’ s.t. Santon), De Rossi, Nzonzi, Kolarov; Pastore (dal 23’ s.t. Cristante); Dzeko, Schick. (Fuzato, Greco, Jesus, Zaniolo, Lu. Pellegrini, Lo. Pellegrini, Coric, Kluivert, Under). All. Di Francesco.
Arbitro: Guida (Carbone-Passeri; Chiffi). Var: Mazzoleni-Del Giovane.
Note: Spettatori 57.789, incasso 2.065.092,58 euro. Ammoniti: Cristante e De Rossi per gioco scorretto. Recupero: 0’ p.t.; 6’ s.t.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook