IL VERONA FA CENTRO E CONQUISTA LA B. Festa in città…

Il Verona ricomincia la scalata. Dopo quattro anni di B la squadra scaligera torna alla ribalta e conquista la promozione al termine delle due gare spareggi play- off con la Salernitana. Decisiva la gara d’andata, quando la squadra gialloblu si impose in casa con il punteggio di 2 a 0. La gara di ritorno persa  all’Arechi per  1 0 con i granata premia, infatti, i veronesi, nonostante una gara condotta con grande spirito agonistico dai padroni di casa. La partita si sblocca sul finale del primo tempo. A passare in vantaggio è la squadra campana con un rigore trasformato da Carrus per fallo commesso su Ragusa.

Nella ripresa, la Salernitana insiste nel tentativo di raddoppiare ed andare ai supplementari. I padroni di casa ci provano con Szatmari, ma Rafael salva in angolo. Più tardi è  Fabinho che supera alcuni avversari, ma il suo tiro è respinto sempre dal portiere ospite. La Salernitana spreca molte occasioni. Il Verona però resiste fino al termine e va vicino al pari con Mancini. L’arbitro fischia la fine. Il Verona è in B. Festa grande tra i mille tifosi gialloblu a seguito della squadra e a Verona, dove la festa va avanti per tutta la notte. Delusione per la Salernitana e grande tensione a fine gara, quando fuori lo stadio i tifosi locali  tentatano di aggredire i supporter ospiti, e Mandorlini è protagonista di un lungo diverbio con Murolo ed un fotografo. Sfumata con rammarico la promozione, ora per la squadra granata non resta che occuparsi dei suoi numerosi problemi finanziari, cancellando i debiti con il pagamento degli stipendi ai calciatori.

 

L.R.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook