Londra 2012: la cerimonia ha dato il via alle Olimpiadi

È stata una fantastica serata, una cerimonia d’apertura diversa dalle solite: storica, ironica, autocelebrativa, un grande spettacolo degno di una città unica al mondo. Il nuovo stadio di Londra ieri sera ha dato il benvenuto alla trentesima edizione delle Olimpiadi, 80 mila persone presenti, un miliardo davanti la tv e ben 204 delegazioni che hanno sfilato orgogliose di esserci e con il sogno di rendere questa esperienza indimenticabile magari con una medaglia. Il fascino enorme e la bellezza dei giochi olimpici risiede tutta qui, in questi dati, in questi numeri che sono ovviamente inarrivabili per qualunque altra manifestazione della Terra.

Gli inglesi hanno giocato di contropiede spiazzando tutti: tanto spettacolo ma sempre con una forte impronta storica, un bombardamento di citazioni, un continuo evidenziare ciò che di grande hanno fatto nella storia del mondo moderno. I britannici hanno giocato con il loro passato, hanno sfruttato questa loro fortuna a differenza delle ultime nazioni che avevano ospitato i giochi. Atlanta incentrò inevitabilmente la cerimonia sul centenario delle Olimpiadi, Atene sul fatto di essere la culla dei giochi, Sydney e Pechino sui colori, sullo spettacolo scenografico e pirotecnico. Proprio la capitale cinese ieri sera è divenuta il termine di paragone essendo la città olimpica precedente, Londra ha fatto leva su cose che Pechino non può avere, troppo lontana da noi, troppo diversa e soprattutto con una storia non sufficientemente forte come la Gran Bretagna. Gli inglesi hanno sviscerato tutto il loro potenziale: dalla Tempesta di Shakespeare, alle rivoluzioni industriali, passando per Mary Poppins, James Bond, Mr. Bean e la Regina Elisabetta che ha recitato se stessa. Un excursus unico. Non potevano mancare i riferimenti musicali, i fondatori del Pop hanno tirato fuori un super medley formato da Beatles, Rolling Stones, David Bowie, Queen, Sex Pistols, Prodigy, Blur, una carrellata di suoni che hanno segnato i momenti di almeno tre generazioni. La meraviglia delle Olimpiadi è stata inaugurata nel modo migliore ed è terminata con Beckham che tagliava in due il Tamigi a bordo di un motoscafo ed il braciere acceso da tante fiaccole. A quel punto, il count-down si è esaurito e la magia dei cinque cerchi ha inondato tutti, soprattutto quando Paul McCartney ha cantato Hey Jude, uno dei tanti britannici che ha cambiato il mondo in cui viviamo oggi.

Inaugurata l’Olimpiade, cominciano le grandi sfide, lo sport diventa assoluto protagonista e per 16 giorni miliardi di occhi si fisseranno sulla capitale inglese in attesa di nuove emozioni e con la speranza di vedere altre favolose storie ed imprese.

Matteo Ciofi

28 luglio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook