La guerra dei papaveri rossi

FIFA e Football Association inglese si sono confrontate & scontrate in questi giorni su una tematica che ha come  immagine simbolo proprio un papavero rosso.

Tutta l’Inghilterra,cosi come diversi paesi del Commonwealth, celebra infatti il Remembrance Day. Un giorno di commemorazione molto sentito,per ricordare la fine della prima guerra mondiale ufficializzata con l’armistizio del 11 novembre 1918.

I campi di battaglia delle Fiandre erano infatti contraddistinti dalla presenza di questa pianta erbacea,il papavero, con il suo colore rosso che è diventato l’emblema dello spargimento di sangue delle truppe britanniche in uno dei conflitti più logoranti che l’umanità intera ricordi.
La Football Association sostiene la commemorazione da diversi anni in questo periodo proprio durante i match della premier league, attraverso una serie di iniziative tra cui il ricamo del papavero rosso sulle maglie da gioco ufficiali delle varie squadre.
Apparentemente nessun problema ma quale migliore occasione per celebrare il Remembrance Day se non l’amichevole di giorno 12 novembre 2011 tra Inghilterra e la Spagna nella cornice di Wembley ? Il confronto tra i leoni d’Inghilterra e le furie rosse secondo la FA doveva essere l’atto conclusivo di questa celebrazione, con il Poppy ricamato sulla maglia bianca di Frank Lampard e compagni. La FIFA però non ha accolto di buon grado l’idea,poiché, sostiene il massimo organo calcistico mondiale, è vietata la dimostrazione di atti politici sulle maglie di gioco delle varie selezioni nazionali. Dopo una prima frattura derivante dalla decisione della FIFA, che rischiava l’apertura di una vera e propria crisi diplomatica su base “pallonara”; a scomodarsi è stato il premier inglese David Cameon che ha fatto da pacere tra i due organi. La FIFA ha fatto quindi un piccolo passo indietro, concedendo la possibilità durante i match del week-end, alla nazionale inglese maggiore ma anche alle selezioni giovanili U19 e U21 di indossare una fascia commemorativa di colore nero con il papavero rosso in rilievo da apporre sopra una manica della divisa ufficiale. Ad annunciare l’accordo è stato proprio un comunicato della FA, che ha sancito una pace “politica” per non dimenticare la storia, in nome del red poppy.

di Dario De Luca

10 novembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook