L’Italia cala il “Settebello” ai mondiali e vola in semifinale!

di Luigi Rubino

Figlioli segna quattro gol e trascina gli azzurri alla vittoria contro la Spagna, vice campione uscente.

L’Italia è in semifinale ai mondiali di pallanuoto. La squadra azzurra ha superato meritatamente il turno, battendo la Spagna, vice campione uscente  10 a 6. Con questa vittoria il Settebello italiano conquista anche il passaggio alle Olimpiadi di Londra del 2012.

La gara non è stata mai in discussione. La difesa è apparsa sicura con il passare dei minuti e l’attacco, trascinato da un funambolico Figlioli autore di 4 reti, ha colpito con decisione e precisione. A sbloccare il match ci pensa subito Felugo, ma gli spagnoli pareggiano dopo pochi secondi con Espanol Lifante. Due minuti dopo, gli azzurri si riportono in vantaggio con Figlioli. Nel secondo tempo, Presciuti porta a tre le marcature per gli italiani. La Spagna reagisce e dimezza lo svantaggio con Marsal, il quale sorprende Tempesti. Immediatamente, però è ancora Figlioli a superare il portiere spagnolo. Nel terzo tempo, gli azzurri realizzano con Aicardi con un tiro a volo.  Poi arriva l’intervallo. L’Italia è  in vantaggio per  8 a 5. Nell’ultima frazione di gioco, il Settebello italiano colpisce due legni e  pone fine alla gara con una rete del pimpante Figlioli. ” I miei ragazzi hanno disputato un’ottima gara. Qui c’è la sintesi di un anno di lavoro. La squadra in poco tempo è migliorata notevolmente. Riesce a difendere  con ordine e tanta generosità”- queste sono alcune impressioni del C.T. Sandro Campagna, il quale aggiunge: ” I ragazzi devono saper imparare a gestire gli ultimi minuti sfruttando la loro esperienza. Sono felice di questa qualificazione, perchè aiuterà il gruppo a crescere in vista delle Olimpiadi del 2012. Sulla vittoria e la prestazione degli azzurri parla anche il bomber Figlioli, autore di una quaterna. ” Non è importante chi segna, ma vincere le partite. Oggi ho segnato 4 gol, ma poteva farli Felugo o qualche altro compagno”

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook