Elton John accusato di molestie da un suo bodyguard

Elton John accusato di molestie da un suo bodyguard

Pesanti accuse mosse contro Elton John. Il pianista inglese è stato accusato, da una persona solita essergli molto vicina, di molestie sessuali, ma il legale del musicista interviene subito in sua difesa.

L’accusa proviene da un vecchio bodyguard del cantante-pianista, Jeffrey Wenninger, il quale ha lavorato al fianco di Sir Elton John fino al 2014. Non più al servizio dell’artista, l’uomo avrebbe fatto venire a galla alcune “attenzioni” un po’ troppo inopportune, che il suo cliente aveva avuto nei suoi confronti durante il periodo in cui lavoravano insieme. La notizia sarebbe stata diffusa da Wenninger attraverso il sito di gossip TMZ, dicendo che subiva da parte del cantante palpeggiamenti non richiesti, nella zona dei genitali, e avance molto spinte ed insistenti. Il tutto sarebbe riportato nel dettaglio in alcuni documenti presentati dal bodyguard, nei quali si parla di morsi ai capezzoli, mani nelle tasche, dita infilate tra le natiche e di richieste verbali molto dirette : “Tira fuori l’uccello e saluta zio John”, “Tu, splendido uomo.” A risposta delle accuse è intervenuto Orin Snyder, legale della società di cui è proprietario il pianista, “Rocket Entertainment Group”, il quale ha smentito tutto attraverso una pubblicazione online del New Musical Express, con queste parole : “Questa causa legale senza alcun fondamento è stata intentata da un’ex guardia del corpo scontenta in cerca di pagamenti extra non dovuti. Queste accuse sono palesemente false e contraddette da numerose altre dichiarazioni messe agli atti in passato dallo stesso querelante. Non ci faremo coinvolgere in questo ultimo abuso del nostro sistema legale.”

Una smentita pronta e decisa da parte del legale dell’artista, viste le accuse da non prendere alla leggere, la quale è ancora in attesa della risposta dei legali dell’accusatore che, per il momento, non sembrano avere dichiarazioni a riguardo.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook