Amara, un’artista da tenere d’occhio dopo il Festival

Amara, un’artista da tenere d’occhio dopo il Festival

Amara, toscana e con uno stile originale tutto suo
Amara, toscana e con uno stile originale tutto suo

Il Festival di Sanremo si è concluso, ora sta agli artisti sapersi promuovere e “vendere” al modo giusto per far sì che la loro partecipazione non rimanga soltanto un passaggio televisivo di grande portata, un duro lavoro che per alcuni sta già portando i suoi risultati.

Tra tutti i cantanti in gara in questa 65° edizione del Festival c’è chi ha spiccato, secondo noi, fra tutti. Oggi vogliamo parlarvi delle Nuove Proposte del Festival, perché abbiamo dato un ascolto ad un album davvero molto interessante.

La ricorderete sicuramente per il suo inconfondibile look: turbante e giacca elegante insieme una voce potente, intensa. Vi stiamo parlando di Amara, arrivata sul palco dell’Ariston dopo ben 5 vittorie di Area Sanremo e mai tra gli otto fortunati, stavolta ce l’ha fatta e si è piazzata al secondo posto con il brano “Credo” scritto da lei e suo cugino Salvatore Mineo. Purtroppo nessun premio di critica o testo, ma è già stata incoronata Regina del Web con oltre 210.00mila visualizzazioni su Youtube superando di gran lunga le altre Nuove Proposte.

E’ stata scoperta da Carlo Avarello, produttore e manager di Simona Molinari e Renzo Rubino, definita la voce della gente, una cantautrice che racconta la propria vita di tutti i giorni. Nel suo nuovo album lo fa per davvero.

Dal 10 febbraio è disponibile “Donna Libera”, il nuovo album di Amara, noi l’abbiamo ascoltato e ci ha subito stupito, alta qualità ma soprattutto originalità, di “amaro” c’è ben poco. Insieme di musica ed arrangiamenti validissimi con una voce che si riscopre, durante la gara ha dimostrato una grande padronanza del suo strumento ma nel cd ne sentirete ancora di più.
Dieci brani inediti, si passa dal brano sanremese a  sonorità più rockeggianti con “Donna libera” (non sfigurerebbe come singolo) passando per una più raffinata “Inevitabile”, l’energica “Mani” fino a toni più movimentati con “Amami più forte”, questi sono soltanto esempi dei brani che troverete nel cd, Amara esplora ogni sfumatura musicale riuscendo a non limitarsi nella sua figura o stile, fa di tutto e potete sentirlo direttamente voi, dopo Sanremo è da tenere d’occhio perchè siamo sicuri potrà dare tanto nuovo materiale alla musica italiana.
I testi sono per la maggior parte curati da lei, sotto questo punto di vista non siamo di certo davanti a rime scontate, temi trattati e ritrattati o melodie che ricordano qualcos’altro, il suo lavoro di autrice l’ha saputo fare molto bene, dopo 5 anni di preparazione il risultato si vede, a noi è piaciuto molto e siamo sicuri ne sentirete parlare ancora.

Per chi volesse saperne ancora di più, potete leggere la nostra intervista pre-festival QUI

Come tutti gli artisti, a breve partirà il suo Instore tour per presentare “Donna Libera” dal vivo ai fans, ecco le date:
Martedì 24 febbraio – MILANO, Mondadori Multicenter
Mercoledì 25 febbraio – ROMA, Discoteca Laziale
Giovedì 26 febbraio – FIRENZE, Mondadori

Ora non vi resta che ascoltare l’album e dare il vostro giudizio.

Marco Rimmaudo

19 febbraio 2015
Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook