Bce: dalla Grecia pericoli per i mercati obbligazionari

Bce: dalla Grecia pericoli per i mercati obbligazionari

Bce-euroLa sostenibilità del debito nel settore non finanziario della Zona Euro resta ancora preoccupante, considerando i rischi che può generare una combinazione di elevato indebitamento, crescita economica ancora debole e basso livello di inflazione. A sostenerlo è la Banca centrale europea, nella sua periodica Financial Stability Review. L’Eurotower evidenzia, comunque, la favorevole diminuzione del costo dell’indebitamento, collegato alle decisioni di politica monetaria di recente adottate e alla significativa riduzione dei costi del petrolio.

Continuano a destare preoccupazione i rischi relativi ad alcuni paesi europei e, nello specifico, il rischio sovrano della Grecia – evidenzia ancora la Banca centrale europea – è rapidamente aumentato a causa dell’incertezza politica che ha caratterizzato gli ultimi sei mesi. Il settore bancario del paese ellenico ha fatto registrare importanti deflussi in termini di depositi, una perdita di accesso ai mercati del finanziamento wholesale e un deterioramento della qualità degli attivi.
“Le reazioni dei mercati finanziari – si legge nella nota – agli sviluppi in Grecia sono cambiate, ma in assenza di un rapido accordo sulle riforme strutturali necessarie, il rischio di un aggiustamento al rialzo dei premi al rischio richiesti ai Paesi dell’Eurozona più vulnerabili potrebbe materializzarsi”.

Ulteriori incertezze riguardo la sostenibilità del debito nell’Eurozona continueranno probabilmente a persistere nel medio termine, in quanto diversi Paesi prevedono ancora elevati livelli di rapporto debito/Pil nelle proprie stime.

Dunque, mentre da un lato la ripresa economica dell’Eurozona sembra rafforzarsi, dall’altro diverse sfide devono ancora essere affrontate e vinte. La Banca centrale europea segnala, ad esempio, anche che la redditività di molti istituti di credito continua ad essere bassa, con un ROE (return on equity) sotto il costo del capitale per diversi di essi. Il settore shadow banking sta facendo registrare una crescita rapida e costante e in molti casi sembra diventare una fonte importante di risorse per l’intera economia reale.

Giuseppe Ferrara
28 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook