Abi: aumentano mutui e acquisti immobiliari

Abi: aumentano mutui e acquisti immobiliari

EurocasaRipresa per le compravendite immobiliari e il mercato dei finanziamenti. I mutui concessi alle famiglie confermano il trend di recupero, chiudendo il primo trimestre dell’anno in corso in sensibile miglioramento rispetto al 2014: “I dati relativi ai primi tre mesi del 2015 evidenziano la forte ripresa del mercato dei finanziamenti alle famiglie per l’acquisto delle abitazioni”, precisa l’Abi.
Dal campione Associazione delle Banche italiane, formato da 78 banche, che rappresenta circa l’80% della totalità del mercato bancario italiano, “emerge che nel trimestre gennaio-marzo 2015 l’ammontare delle erogazioni di nuovi mutui è stato pari a 7,897 miliardi di euro rispetto ai 5,250 miliardi dello stesso periodo del 2014. L’incremento su base annua è, quindi, del 50,4%”.

Il totale delle nuove erogazioni di mutui nel 2015 è anche superiore sia al dato dei primi tre mesi del 2013, quando si attestarono sui 4,337 miliardi di euro, sia al valore dei primi tre mesi del 2012 (5,177 miliardi di euro). I mutui a tasso variabile costituiscono, nei primi tre mesi del 2015, il 66,7% delle nuove erogazioni complessive; tuttavia, sono in significativo aumento i mutui a tasso fisso, che hanno raggiunto a marzo 2015 quasi il 35% delle nuove erogazioni.

Restano cauti, comunque, i consumatori. Secondo il Codacons, la ripresa dei mutui erogati dalle banche registrata nel primo trimestre del 2015 è positiva, ma i numeri relativi ai mutui concessi alle famiglie per l’acquisto della casa sono “ancora lontanissimi” dai livelli precedenti alla crisi: “Il dato che vede l’erogazione dei mutui in crescita del 50% rappresenta un segnale positivo ma non eccezionale, se si considera che negli ultimi 7 anni il valore dei mutui concessi ha subito una contrazione pari a 45,1 miliardi di euro”, conclude il Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell’Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori.

Giuseppe Ferrara
4 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook