Confesercenti in prima linea per dare lezioni sulla nuova fatturazione elettronica

Uno dei temi più caldi sull’agenda dei possessori di partita IVA è sicuramente quello legato alla fatturazione elettronica.

Questa nuova modalità di emissione delle fatture, dopo che era stata resa obbligatoria nel 2014 per chi aveva rapporti lavorativi con le pubbliche amministrazioni, diventa obbligatoria per tutti gli imprenditori e aziende dal primo di gennaio del 2019.

Tale sistema contempla la gestione interamente digitale delle fatture, che permette la compilazione, l’invio e la conservazione delle stesse, abbandonando in modo definitivo la carta e i costi annessi.

Non si tratta di un semplice file che viene allegato alla mail, ma fatture emesse con un apposito formato XML, che vanno firmate e conservate in modo digitale.

Dal primo di gennaio del 2019 questo sarà l’unico metodo di fatturazione accettato per le cessioni di beni e servizi sia tra partite IVA sia verso i consumatori.

Il vecchio sistema cartaceo lascerà il posto a quello standardizzato che sfrutterà il sistema d’interscambio Sdl dell’Agenzia delle Entrate, che svolge la funzione di postino e snodo tra gli interessati.

Sdl è in grado anche di verificare la correttezza e la compattezza dei dati inseriti consegnando le fatture al destinatario.

Un sistema nuovo, che come tutti quelli che toccano l’ambito fiscale, ha generato allarmi e preoccupazioni nei liberi professionisti e nelle imprese, che devono adeguarsi alla nuova fatturazione in modo veloce, perché manca ormai un mese alla sua introduzione.

La soluzione ottimale per assolvere a questo genere di obbligo è quella di affidarsi a un programma per fatture online facile e completo, che permetta di creare una fattura in pochi minuti e che gestisca il processo di generazione della stessa in modo completo e secondo la normativa vigente.

Tra le migliori soluzioni nella gestione della fattura online ci sono i servizi proposti da Fatture in Cloud, azienda nata come giovane startup italiana e che in poco tempo è entrata a far parte del gruppo TeamSystem attraverso Danea Soft, che propone la gestione delle fatture online, fatture elettroniche B2B e PA, tenendo sotto controllo profitti e costi direttamente dal computer, smartphone e tablet.

Con la finalità di preparare i possessori di partita IVA a questo radicale cambiamento fiscale, anche le associazioni di categoria sono scese in campo con una serie di iniziative dedicate alla formazione e alla divulgazione.

Tra queste c’è Confesercenti, che ha organizzato nel corso del mese di novembre diversi incontri formativi in merito all’entrata in vigore della nuova fatturazione elettronica. Eventi che hanno riscosso un ampio numero di consensi e adesioni, tanto che la stessa associazione si è riservata la possibilità di mettere in calendario altre giornate simili anche per il mese di dicembre.

Tra le tante informazioni fondamentali per adempiere a quest’obbligo, Confesercenti ha posto l’accento, nelle giornate formative, l’obbligo di comunicazione, da parte degli imprenditori, il loro recapito per la fatturazione elettronica o il codice se il sistema è gestito da un intermediario.

Tale decisione non va presa all’ultimo minuto ma anticipata rispetto al termine di scadenza, e potrà essere fatta avvalendosi di un intermediario (commercialista o società di servizi).

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook