DUE UOMINI, QUATTRO DONNE E UNA MUCCA DEPRESSA | Commedia d’amore e musica

DUE UOMINI, QUATTRO DONNE E UNA MUCCA DEPRESSA | Commedia d’amore e musica

Due uomini, quattro donne e una mucca depressa, una cicogna e poi un piccolo pittoresco paese del sud della Spagna e una musica suggestiva e una storia coinvolgente, sono gli elementi che compongono l’armonia di un film gustoso e intrigante. Con questa sua opera, in uscita nelle sale il prossimo 8 giugno, la regista e sceneggiatrice Anna Di Francisca conferisce alla commedia italiana un sapore nuovo in cui i colori del cinema spagnolo si mescolano con armonia al fascino di quello francese.

Un titolo buffo e audace per un film decisamente originale, ricco di sfumature e tutto da scoprire, una commedia corale che tiene insieme un cast composto da veri professionisti del cinema e del teatro, italiano e spagnolo. Come il protagonista, Miki Manojlovic, attore serbo interprete tra i tanti suoi lavori di alcuni dei film di Emir Kusturica, François Ozon e Giuliano Montaldo. In Due uomini, quattro donne e una mucca depressa è Edoardo, un noto compositore italiano che si rifugia nella piccola cittadina spagnola in una sorta di esilio volontario. Con il suo arrivo Edoardo scuote i deboli e asfittici equilibri della piccola comunità dando involontariamente vita ad una serie di vivaci complicazioni. Al suo fianco c’è il suo amico ed ex-parente Emilio, interpretato da Eduard Fernàndez, già due volte vincitore del Premio Goya come miglior attore che recentemente abbiamo apprezzato in Italia nella geniale commedia noir La notte che mia madre ammazzò mio padre. Emilio è un signorotto spagnolo che ha dilapidato il suo patrimonio ma si concede il lusso di avere una mucca in casa come animale domestico.

Emilio ed Edoardo in breve tempo intrecciano le loro storie con quelle degli altri peculiari abitanti della cittadina. C’è la bella ex-moglie del barbiere Carlos, ovvero Neri Marcorè in una sorprendente versione spagnola, lei si chiama Julia ed è interpretata dalla celebre attrice spagnola Maribel Verdù. Julia ha una voce assai melodiosa e canta nel coro della piccola parrocchia del paese insieme alla giovane Marta (Ana Caterina Morariu) e Victoria (Laia Marull). A cantare con loro ci sono anche la collaboratrice domestica di Emilio, Irma, un’autoironica Serena Grandi che non teme di rinnovarsi e di mettersi alla prova in un ruolo del tutto particolare, e Sara, donna raffinata egregiamente rappresentata da Manuela Mandracchia.  Edoardo accetta, seppur con grande riluttanza, di dirigere lo scalcinato coro parrocchiale solo per affetto nei confronti del suo amico Emilio, ma il suo intervento comporterà una serie di sconvolgimenti traumatici e al tempo stesso terapeutici per tutti. A complicare la faccenda si aggiunge il Generale (Héctor Alterio), un anziano rigido franchista dalle idee assai poco chiare.

Ritmo e colore sono le note distintive di questo film grazioso ed equilibrato in cui ogni scena e ogni personaggio sono accompagnati da una serie di musiche che aderiscono in modo perfetto alla storia. Il compositore Paolo Perna elabora una colonna sonora trascinante e dinamica che accompagna e racconta il film insieme alle immagini vivide e luminose curate da Duccio Cimatti.

Due uomini, quattro donne e una mucca depressa è una commedia briosa sull’amore, la passione e le sue complicazioni che sembra sospesa nel tempo. Un piccolo teatro umano nel quale gli inciampi in cui incorrono i vari personaggi danno vitalità alla storia e generano una serie di situazioni brillanti.

DUE UOMINI, QUATTRO DONNE E UNA MUCCA DEPRESSA | Scheda tecnica

VOTO: 8/10
TITOLO: Due Uomini, quattro donne e una mucca depressa
USCITA: 8 giungo 2016
REGIA: Anna Di Francisca
SCENEGGIATURA:
DURATA: 95′
GENERE: commedia
ANNO: 2017
PAESE: Italia Spagna
DISTRIBUZIONE (ITALIA): Mariposa Cinematografica
FOTOGRAFIA: Duccio Cimatti
MUSICHE:Paolo Perna
CAST ARTISTICO: Miki Manojlovic, Eduard Fernández, Laia Marull, Manuela Mandracchia, Maribel Verdù, Héctor AlterioNeri Marcorè Neri, Serena Grandi, Ana Caterina Morariu,

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook