Gran Premio d’Austria: Rosberg batte Hamilton

Gran Premio d’Austria: Rosberg batte Hamilton

 Formula 1Il bis è servito. Per la seconda volta consecutiva Nico Rosberg si aggiudica il Gran Premio d’Austria sul circuito di Spielberg. Questa volta il tedesco ha surclassato il compagno di squadra Hamilton che partiva dalla pole position, infatti allo spegnersi dei semafori Nico è scattato meglio del compagno e ha infilato Lewis alla prima curva per poi andarsene indisturbato. Nei primi giri Hamilton ha tentato di recuperare ma oggi il tedesco era decisamente più in palla e ne aveva di più. E’ la quinta doppietta stagionale per la Mercedes che sembra sempre più imprendibile nonostante una Ferrari che nelle simulazioni di ritmo gara sembra essere sempre sugli stessi tempi ma che poi in gara non riesce a tenere il ritmo delle Frecce d’argento. Il bottino della Rossa nella domenica di oggi è stato decisamente sotto le aspettative, ci si aspettava una Ferrari in lotta per la vittoria considerati i risultati delle prove libere ma alla fine la Scuderia chiude la gara con un quarto posto e un ritiro. Il quarto posto di Sebastian Vettel poteva essere un terzo posto senza l’errore ai box con una pistola svitadadi che si è inceppata e ha fatto perdere tempo e una posizione al pilota tedesco. Vettel ha poi chiuso il gap con la Williams di Felipe Massa ma non è riuscito a superarla data la velocità superiore della monoposto inglese sui rettilinei austriaci. Weekend da dimenticare per Kimi Raikkonen che nelle qualifiche di ieri non era andato oltre un terrificante diciottesimo posto. Il finlandese ha guadagnato quattro posizioni sulla griglia di partenza grazie alle penalizzazioni altrui ma nel corso del primo giro, mentre occupava la dodicesima posizione, è stato coinvolto in un incidente con la Mclaren di Fernando Alonso ed è stato costretto al ritiro. La Ferrari di Kimi ha sbandato sul dritto per cause ancora da accertare e fuori controllo ha spremuto sul guard rail la Mclaren dello spagnolo la quale è finita sopra la Ferrari a pochissima distanza dalle mani e dal casco di Raikkonen. Entrambi i piloti sono usciti illesi e con le proprie gambe e sulle cause della sbandata si ipotizza un contatto avuto da dietro oppure un errore del finlandese. Buona gara per la Williams di Felipe Massa che raccoglie un podio figlio degli errori della Ferrari ma il brasiliano è stato determinato nel difendere la posizione fino all’ultimo giro. Grandissima prestazione da parte di Nico Hulkenberg che porta la Force India al sesto posto finale seguita dalla Lotus di Maldonado ancora una volta a punti e dalla Toro Rosso di Verstappen. Ancora inguardabili le Red Bull con Ricciardo e Kvyat rispettivamente decimo e dodicesimo al traguardo.

Ordine d’arrivo:
1. Rosberg (Mercedes)
2. Hamilton (Mercedes)
3. Massa (Williams)
4. Vettel (Ferrari)
5. Bottas (Williams)
6. Hulkenberg (Force India)
7. Maldonado (Lotus)
8. Verstappen (Toro Rosso)
9. Perez (Force India)
10. Ricciardo (Red Bull)
11. Nasr (Sauber)
12. Kvyat (Red Bull)
13. Ericsson (Sauber)
14. Merhi (Manor)
15. Grosjean (Lotus) ritirato, cambio
16. Sainz (Toro Rosso) ritirato, perdita di potenza
17. Button (Mclaren) ritirato, motore
18. Stevens (Manor) ritirato, perdita d’olio
19. Raikkonen (Ferrari) ritirato, incidente
20. Alonso (Mclaren) ritirato, incidente

Alessandro Cristiano
22 giugno 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook