Gp Spagna: Rosberg vince davanti a Hamilton e Vettel

Gp Spagna: Rosberg vince davanti a Hamilton e Vettel

vettelFinalmente è tornato. Dopo un inizio di stagione che per lui non prometteva niente di buono e sembrava averlo relegato al ruolo di gregario di lusso Nico Rosberg è tornato in cima al podio. Nona vittoria in carriera dopo l’ultima volta in Brasile 2014 lo scorso novembre. Ai microfoni di Sky aveva detto: “ Voglio regalare a Sky Italia una gara stupenda. Pole position e vittoria non sarebbe male, no?” Detto e fatto. Il tedesco ha costruito un weekend perfetto conquistando già la pole position al sabato sfruttando benissimo gli aggiornamenti portati dalla Mercedes a Barcellona, poi con una partenza perfetta lasciando che Hamilton si inguaiasse da solo facendo pattinare le ruote e venendo sorpassato da Vettel. Da lì in poi Nico non è stato impensierito da nessuno, troppo lontano Hamilton occupato ad avere ragione della Ferrari di Vettel a inizio gara. Liberatosi della Ferrari Lewis ci ha provato a riprendere il compagno ma non c’è stato nulla da fare e l’inglese ha preferito portare a casa punti importanti rimanendo in testa alla classifica piloti. Il passo gara delle Silberpfeil è stato fenomenale e gli aggiornamenti portati in Spagna hanno ristabilito un certo margine nei confronti della Ferrari. Le Rosse terminano anche oggi sul podio con Vettel ma il distacco da Rosberg è di quelli tosti: 45 secondi, un’enormità. Il tedesco ha sfruttato bene la partenza sorpassando Hamilton e marcandolo a uomo fino al primo pit stop dove è anche riuscito a tenerlo dietro ma dalla seconda sosta dell’inglese in poi la Mercedes ha avuto la meglio superando Vettel nel gioco delle soste e sparendo all’orizzonte in caccia di Rosberg. Kimi Raikkonen invece è partito dalla settima posizione con un ottimo spunto e un ottimo primo giro capace di sorpassare le due Toro Rosso e la Williams di Massa installandosi al quinto posto. Nei pit stop è stato poi ri-sorpassato dal brasiliano ed ha riguadagnato la sua posizione grazie ad un’ottima gestione delle gomme e ad un bel sorpasso arrivando fin sotto all’altra Williams di Bottas negli ultimi giri senza però riuscire a superarlo e chiudendo così al quinto posto. Alla fine Maurizio Arrivabene non si è nascosto dietro a un dito dicendo che oggi non era soddisfatto del risultato, gli aggiornamenti Ferrari portati a Barcellona hanno funzionato bene, solo che quelli Mercedes hanno funzionato ancora meglio. Gli aggiornamenti erano per gran parte di aerodinamica ed elettronica, quindi ancora nessun upgrade del motore che dovrebbe arrivare in Canada a giugno. Vettel ha scelto la nuova aerodinamica mentre Raikkonen si è lamentato dicendo che con la nuova veste aerodinamica non riusciva a “sentire” la macchina e così ha preferito utilizzare la vecchia configurazione. Per ora va bene così, nel senso che bisogna dare ai piloti la macchina che riescono a sfruttare meglio, quindi avanti con Vettel e Raikkonen con due configurazioni differenti. Buona gara delle Williams al quarto e sesto posto con Bottas e Massa, a seguire la Red Bull di Ricciardo mentre quella del compagno Kvyat ha concluso al decimo posto. Buona gara per la Lotus di Grosjean al settimo posto mentre Maldonado si è dovuto ritirare ancora una volta per un problema all’alettone posteriore. Peccato perché il venezuelano stava facendo una buona gara ed era davanti al compagno in settima posizione. Weekend ancora una volta nero in casa Mclaren con Button che conclude al sedicesimo posto e Alonso ritirato nella gara di casa per problemi ai freni.

Ordine d’arrivo:

  1. Rosberg 8Mercedes)
  2. Hamilton (Mercedes)
  3. Vettel (Ferrari)
  4. Bottas (Williams)
  5. Raikkonen (Ferrari)
  6. Massa (Wlliams)
  7. Ricciardo (Red Bull)
  8. Grosjean (Lotus)
  9. Sainz (Toro Rosso)
  10. Kvyat (Red Bull)
  11. Verstappen (Toro Rosso)
  12. Nasr (Sauber)
  13. Perez (Force India)
  14. Ericsson (Sauber)
  15. Hulkenberg (Force India)
  16. Button (Mclaren)
  17. Stevens (Manor)
  18. Merhi (Manor)
  19. Maldonado (Lotus) ritirato, alettone
  20. Alonso (Mclaren) ritirato, freni

 

di Alessandro Cristiano

10 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook