Domenica il GP del Brasile, si chiude la stagione

Domenica il GP del Brasile, si chiude la stagione

Ultima gara della stagione, si ricomincia il 16 marzo in Australia

Gp BrasileSi chiude la stagione di Formula 1 2013. E si chiude su uno dei circuiti più belli e storici del mondiale. La pista di Interlagos, nella periferia di San Paolo, ha dato luogo infatti a gare indimenticabili e ha laureato vari campioni del mondo. La prima di queste fu la vittoria di Ayrton Senna su Mclaren-Honda nel 1991, con il brasiliano che riuscì a vincere con il cambio bloccato in sesta marcia. Tale fu lo sforzo che il pilota riuscì a stento ad alzare la coppa del vincitore con il pubblico in delirio. La “torcida” brasiliana infatti è tra i pubblici più calorosi del mondiale. Tra le altre edizioni si possono ricordare il 2003, edizione con un acquazzone talmente forte che solamente 7 vetture arrivarono al traguardo e con un numero altissimo di incidenti, tra cui quello di un giovanissimo Fernando Alonso. La gara fu interrotta anzitempo e vide l’inaspettata vittoria di Giancarlo Fisichella con una poco competitiva  Jordan-Ford. Da ricordare il 2005, con il primo titolo mondiale di Fernando Alonso con la Renault e l’ultima vittoria di Juan Pablo Montoya su Mclaren-Mercedes. Spettacolare l’edizione 2006, vinta da Felipe Massa con la Ferrari e con una clamorosa e incredibile rimonta di Michael Schumacher, alla sua ultima gara con la Rossa, da quasi doppiato al quarto posto con uno spettacolare sorpasso sulla Mclaren-Mercedes di Kimi Raikkonen. Questa stessa gara assegnò il secondo titolo mondiale ad Alonso. L’edizione 2007 è forse una di quelle edizioni da togliere il fiato letteralmente. Essa assegnò il titolo mondiale a Kimi Raikkonen con la Ferrari, che partiva con 7 punti di svantaggio da Lewis Hamilton all’ultima gara, il quale veniva dato per sicuro vincitore. Contro ogni previsione fu invece il finlandese a vincere, sia contro Hamilton che contro Alonso (entrambi su Mclaren-Mercedes) che lo precedevano in classifica. Ciò fu possibile grazie ad una serie di errori compiuti dal pilota inglese, che tentò una rimonta disperata, ad un imbattibile stato di forma della Ferrari e ad una grande determinazione del pilota finlandese, che ebbe il merito di crederci sempre. Da crepacuore ancora l’edizione del 2008, con Felipe Massa che taglia il traguardo da campione del mondo, venendo scippato poi 2 minuti dopo da Lewis Hamilton che riuscì a raccogliere all’ultima curva il punto per diventare campione. Nel 2009 fu Jenson Button con la Brawn GP a conquistare il mondiale, poi nel 2012 la sfida Vettel-Alonso all’ultima gara sotto la pioggia, con il tedesco campione per la terza volta grazie ad una rimonta fino al sesto posto.

Nelle libere di ieri è stata la Mercedes ad avere i tempi migliori e questo potrebbe essere un problema per la Ferrari, che mira a scalzare dal secondo posto in Classifica Costruttori la squadra tedesca. Domani alle 17:00 le qualifiche.

di Alessandro Cristiano

23 novembre 2913

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook