Kazan 2015: immensa Tania Cagnotto! Recupero da urlo ed è bronzo dai 3 metri

Kazan 2015: immensa Tania Cagnotto! Recupero da urlo ed è bronzo dai 3 metri

Nella giornata della doppia medaglia azzurra nella 25 km, l’Italia ottiene un altro bronzo grazie alla solita Cagnotto. Oggi Tania torna in gara nel sincro misto da tre e il Settebello cerca il riscatto. Al via anche il nuoto in vasca e la finale della piattaforma maschile promette spettacolo

Tania CagnottoAncora lei, solo lei, sempre Tania Cagnotto! Non si sa più che termini e aggettivi accostare al nome di questa grande atleta che ancora una volta centra l’ennesima medaglia mondiale, la seconda di questa edizione dei campionati dopo lo storico oro dal metro. “L’emozione dell’oro mondiale di martedì è indescrivibile, insuperabile ma oggi mi sono tolta una grande soddisfazione soprattutto perché è un podio inaspettato anche per come si era messa la gara” confessa Tania ai microfoni. E in effetti la medaglia, per come è maturata nel corso della competizione, ha un sapore particolare e conferma un’altra grande qualità della tuffatrice di Bolzano, il sangue freddo unito alla regolarità, caratteristiche che sono mancate alle sue avversarie quest’oggi. Escluse le cinesi, davvero di un livello superiore a tutti, erano tante le pretendenti al podio, ma la canadese Abel sembrava la più accreditata a conquistarlo. Nel corso della gara sbagliano in tante: la giovane australiana Keeney, tante potenzialità ma ancora poco controllo delle emozioni, si chiama fuori dalla lotta per le medaglie già al secondo tuffo quando sbaglia il presalto ed è costretta a ripetere il tuffo incappando in una penalità. L’altra canadese Ware, bronzo due anni fa a Barcellona, sbaglia leggermente il primo tuffo ed è costretta a inseguire per tutta la gara, l’australiana Qin, cinese di origini, fa una gara regolare e di alto livello, così come Jennifer Abel che per quattro tuffi mostra davvero una forma esaltante. Prima dell’ultimo tuffo Tania è quinta a tredici punti dal bronzo; guida la classifica il duo cinese Shi Tingmao, He Zi seguite dalla Abel e dalla Qin. Il distacco sembra incolmabile ma Tania non demorde e si presenta alla giuria con un doppio e mezzo rovesciato stellare. Tre 9 e quattro 8.5 per un totale 78 punti. Ester Qin non sbaglia ma è comunque dietro di 9 punti, manca solo il tuffo della Abel alla quale basterebbero dei 7 per superare Tania. Ma la canadese, con lo stesso tuffo della Cagnotto, non regge la tensione, sbaglia, entra scarsa e ottiene una sfilza di 4.5 precipitando fino al sesto posto in classifica. Sul volto di Tania si dipinge un’espressione di gioia mista a incredulità. È il quarto bronzo iridato per lei in questa specialità dopo i terzi posti di Montreal 2005, Melbourne 2007 e Roma 2009. Tania termina così l’ultima gara individuale della sua vita ad un mondiale con un bellissimo terzo posto, e ora obiettivo Rio per conquistare l’unico trionfo che ancora manca nel suo palmares, la medaglia olimpica.

Tania tornerà sul trampolino oggi per l’inedita gara del sincro misto da tre in coppia con Maicol Verzotto. Oltre a questa finale, chiuderà il programma dei tuffi “classici” (si svolgerà anche la gara dalle grandi altezze) la piattaforma 10 metri uomini che si preannuncia di grande livello, in una finale a dodici dove gli azzurri Dell’Uomo e lo stesso Verzotto non sono riusciti a qualificarsi mancando l’accesso alla semifinale già al mattino. Saranno in tanti a provare a centrare le medaglie: i soliti cinese Qiu e Yang, l’inglese Daley, il russo Minibaev, lo statunitense Boudia campione olimpico a Londra e forse anche il messicano Garcia e il tedesco Klein.

Nella pallanuoto la nazionale azzurra maschile sarà chiamata al riscatto dopo l’opaco girone eliminatorio. Il Settebello affronterà il Canada in una prova da dentro o fuori che permetterà alla squadra vincente di accedere ai quarti di finale della competizione. Al via quest’oggi anche la disciplina regina dei mondiali, il nuoto in piscina. Al mattino cominceranno le qualificazioni con in vasca tanti azzurri, al pomeriggio si assegneranno le medaglie nei 400 sl e nelle staffette veloci sia in campo maschile sia in campo femminile.

https://www.2duerighe.com/sport/57422-kazan-2015-apoteosi-azzurra-nella-25-km-ruffini-oro-e-furlan-bronzo.html

di Lorenzo Vailati

2 agosto2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook