Kazan 2015, apoteosi azzurra nella 25 km! Ruffini oro e Furlan bronzo

Kazan 2015, apoteosi azzurra nella 25 km! Ruffini oro e Furlan bronzo

Il programma del nuoto in acque libere si conclude come meglio non poteva in questi mondiali di nuoto. La maratona degli sport acquatici è un trionfo della nazionale italiana con Simone Ruffini che precede lo statunitense Meyer e Matteo Furlan già bronzo nella 5 km. Bene anche le ragazze azzurre che chiudono entrambe nelle dieci nella gara vinta dalla brasiliana Cunha.

kazan nuotoSe qualcuno aveva provato a criticare i risultati della squadra azzurra del nuoto in acque libere in questi mondiali russi, ora dovrà ricredersi. La nazionale italiana sembra aver tenuto tutte le sue armi migliori per l’ultimo giorno di gare che si conclude in maniera trionfale per i nostri colori. Al termine di una gara sfiancante, di quasi cinque ore, fatta di fisico, tattica e testa, i nostri si esaltano e guardano tutto dall’alto della classifica. Simone e Matteo partono in sordina, restano nascosti fino ai quindici chilometri facendo sfogare gli altri. Al ventesimo chilometro se ne vanno in cinque: i due italiani, lo statunitense Meyer, il russo Drattchev e il francese Reymond, ma poco prima dell’inizio dell’ultimo giro l’americano piazza l’allungo che può sembrare decisivo. Il francese e il russo si staccano mentre i due azzurri tengono il passo raggiunti anche dal venezuelano Maldonado che pare essere in gran forma. Restano in quattro e Ruffini assume il comando delle operazioni cominciando con una serie di cambi di ritmo impressionanti che tagliano le gambe a tutti gli altri. Il primo a farne le spese è Maldonado, poi si stacca anche Furlan. Resiste Meyer che però non da mai l’impressione di poter ricucire quel gap di pochi metri che lo separa da Ruffini. Simone è il più forte, il più intelligente e tocca la piastra del traguardo davanti a tutti dopo 4 ore 53 minuti di gara precedendo di quattro secondi lo statunitense. Furlan tiene bene durante l’ultimo mezzo chilometro di gara e raggiunge così il suo secondo bronzo in questo mondiale.

Poco dopo l’arrivo della gara maschile hanno concluso la loro 25 km anche le donne, nella competizione che due anni fa fu di Martina Grimaldi, oggi non in gara. A trionfare è stata la brasiliana Ana Marcela Cunha, che pochi giorni fa ha privato della gioia del bronzo nella 10 km la nostra Rachele Bruni. La fenomenale nuotatrice verde-oro bissa il successo di Shanghai 2011 precedendo la tenace ungherese Anna Olosz che resiste fino a duecento metri dal traguardo all’impressionante azione dell’avversaria. Bronzo ad Angela Maurer, quarantenne tedesca alla sua ottava medaglia mondiale dal 2001 a oggi. Le azzurre Alice Franco e Ilaria Raimondi compiono una buona prova e chiudono rispettivamente settima e decima.

La giornata è un trionfo per la nazionale italiana che si presenta così sul podio maschile con due atleti, quel podio che è anche palco di vicende extra sportive: il vincitore Simone Ruffini, dopo l’inno nazionale, mostra a tutto il mondo un cartello con la proposta di matrimonio alla fidanzata-collega Aurora Ponselé, anche lei in gara in questi mondiali e visibilmente emozionata sugli spalti.

Il mondiale saluta il fiume Kazanka che ha ospitato le gare di gran fondo. La nazionale italiana può dirsi soddisfatta di questa edizione dei campionati dove ha trovato tre medaglie, due quarti posti amari, tre pass olimpici e molti posizionamenti nei primi dieci.

di Lorenzo Vailati

1 agosto 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook