Ancora una sconfitta esterna per il Palermo

Continua la maledizione trasferte per il Palermo di Devis Mangia. Nonostante la buona prestazione, soprattutto nella fase finale del match, per i rosa ieri ad Udine quarta sconfitta su cinque match esterni, con ancora nessun gol all’attivo. Numeri onestamente preoccupanti, che non hanno risvolti drammatici in classifica, per via dell’ottimo rendimento interno del gruppo, sin qui sempre vittorioso al Barbera. Ieri, per la verità diverse attenuanti per l’undici di Mangia, primo di fatto di un attaccante di ruolo, per via degli infortuni di Pinillaed Hernandez, con Miccoli utilizzato fuori ruolo e soprattutto infortunatosi a metà secondo tempo, ma rimasto in campo stoicamente, vista l’impossibilità di Mangia di effettuare cambi. Per l’occasione sarebbe stata utile l’attuale quarta punta rosa, Igor Budan, ma Mangia ha ritenuto opportuno lasciarlo a Palermo, essendo a corto di preparazione.

Molto delusione a fine partita all’interno dell’entourage rosanero, nessuno a parte mangia ha infatti rilasciato dichiarazioni sul match. In tutti c’era infatti la convinzione di invertire il trend esterno, ma purtroppo non è stato così. Qualche indicazione positiva, comunque, c’è stata. Innanzitutto la prestazione di Bacinovic, apparso in crescita e dunque pronto a candidarsi quale punto di riferimento per il centrocampo. Con lo sloveno in campo, infatti, la palla ha avuto una circolazione migliore, ed il gioco è apparso più lineare rispetto alla farraginosità delle trasferta precedenti. Buona anche la prova di Aguirregaray, utilizzato inizialmente da estero alto, nel finale da estero basso, pronto ad essere una valida alternativa a Pisano, apparso nell’occasione meno brillante del solito. Preoccupano, infine, le condizioni fisiche degli attaccanti, con Pinella ed Hernandez già fuori, l’infortunio di Miccoli, presunto stiramento con possibile stop di almeno due settimane, rischia di complicare la vita non poco in vista del prossimo match interno di sabato prossimo contro il Bologna.

31 Ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook