Cagliari: Luna Rossa apre per la terza volta la sua base operativa

Cagliari: Luna Rossa apre per la terza volta la sua base operativa

2014-12-12-2926[1]

CAGLIARI – Sono circa le 16.00 del 12 Dicembre 2014, quando la navetta arriva al punto d’incontro dinanzi la stazione marittima di Cagliari per prendere l’ultimo gruppo di partecipanti che hanno l’occasione di visitare la base operativa di Luna Rossa, al Molo Sabaudo del porto di Cagliari. All’arrivo alla base, ad attendere gli iscritti al terzo open day, i membri dell’equipaggio e i progettisti di Luna Rossa che fanno da ciceroni all’interno della base operativa. L’ingegnere mostra ai visitatori la sede operativa all’interno della quale il team lavora: una base che si estende su una superficie di 12.000 metri quadri. Dentro la quale si trovano: una tensostruttura di 990metri quadri per gli scafi, una seconda tensostruttura di 660metri quadri per le ali, la zona uffici, una palestra con spogliatoi, la mensa con annessa cucina e un’area ospitality, dinanzi al piazzale è presente una gru attrezzata per l’alaggio delle imbarcazioni del team, alcune delle quali sono ormeggiate al molo. La città di Cagliari è stata scelta come base di Luna Rossa Challenge grazie alle sue condizioni meteo, ideali per gli allenamenti e lo sviluppo tecnico dei catamarani full foiling. Il team è costituito da circa cento persone tra management, sailing team, design team, shore team, service administration e communication/pr. Tutti grandi professionisti che ogni giorno lavorano e studiano ogni giorno per preparare al meglio la sfida per la 35^ edizione dell’America’s Cup, che si terrà alle Bermuda nel Giugno del 2017.

Durante la giornata, suddivisi in gruppi, i visitatori hanno potuto testare le proprie abilità come skipper, trimmer, o grinder affiancati dalla disponibilità e dall’esperienza del team. Era, inoltre, possibile fotografare l’AC72, il catamarano di 22metri, con il quale si è disputata la Coppa America a San Francisco nel 2013.

Anche chi non è appassionato di vela, è rimasto affascinato e ha seguito con attenzione spiegazioni, illustrazioni, racconti e aneddoti fatti e mostrati dalla guida. Una visita entusiasmante, alla scoperta dei segreti e del grande lavoro che il team svolge per portare in alto la bandiera italiana nel mondo.

Marilena Tuveri

13 dicembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook