CERISANO: LA STREPITOSA VOCE DELLA RICCIARELLI AL ” FESTIVAL delle SERRE “

CERISANO: LA STREPITOSA VOCE DELLA RICCIARELLI AL ” FESTIVAL delle SERRE “

La voce straordinaria di Katia Ricciarelli, soprano  simbolo della Lirica, ha incantato il pubblico presente con il suo “Recital” uno spettacolo dedicato a grandi successi della musica internazionale, come: “Granada”, “Le vie en rose”, “Un amore così grande”, “Funiculì funiculà”, “U surdato innammuratu” e tanti altri conosciuti, accompagnata da alcuni musicisti dell’orchestra di Puglia e Basilicata con la straordinaria voce del tenore Francesco Zingariello. A organizzare l’evento è stata l’associazione culturale CALABRIART&S di Cosenza, di cui è Presidente Enzo De Carlo, noto promoter Calabrese, produttore dell’ultimo lavoro discografico di Katia Ricciarelli.

Il “Festival delle Serre” di Cerisano, ha calamitato l’attenzione di tanti turisti e visitatori, attratti non solo dalle molteplici suggestioni messe in campo dalla giovane amministrazione comunale, ma anche dalla bellezza del borgo delle serre cosentine e dalla prestigiosa location del Palazzo Sersale, costruito nel XI secolo, che ospitò storiche famiglie del territorio ed abitato in seguito dalla nobile famiglia TELESIO. Nel 1997 iniziarono i lavori di ripristino, per una migliore fruizione pubblica degli spazi, così i saloni ed il giardino del Palazzo Sersale, ospitano ogni anno, nelle prima decade di Settembre, concerti di musica classica, previste nell’ormai noto ” Festival delle Serre”

Esprime grande soddisfazione il sindaco Lucio Di Gioia, insieme a tutta la squadra di governo e ai moltissimi volontari che hanno consentito la realizzazione della rassegna. Il primo cittadino si è dichiarato soddisfatto per i risultati ottenuti dalla manifestazione che ha dato molte emozioni al pubblico presente. Cerisano è stato protagonista del Festival, al centro delle Serre, dell’area urbana cosentina. Un successo non facile da realizzare ma conseguito grazie all’impegno di tutti.

12 Settembre 2016

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook