Brunori Sas si aggiudica il premio Amnesty International con la canzone “L’uomo nero”

Brunori Sas si aggiudica il premio Amnesty International con la canzone “L’uomo nero”

L’uomo nero è la canzone vincitrice del Premio Amnesty International 2018, il grande riconoscimento va a Brunori Sas che con la sua canzone è riuscito a trattare un tema tanto attuale quanto forte. Il premio Amnesty International nasce nel 2003 nell’ambito di Voci Libere festival e premia gli artisti che riescono a contribuire alla sensibilizzazione sulla difesa dei diritti umani. Il testo de “L’uomo nero” tratta di immigrazione e della paura ancora molto forte che si ha del diverso. L’uomo nero rappresenta colui che vive di stereotipi e pregiudizi. Il testo denuncia una globalizzazione che purtroppo pecca proprio lì dove dovrebbe essere forte, nei rapporti umani, dove il non abituale deve e dovrebbe essere una risorsa. Antonio Marchese commenta così il brano: “i diritti umani sono una questione di comportamenti, di regole, ma anche, e forse ancora prima, di clima. Il clima di oggi è pessimo. Di questo clima parla la canzone di Dario Brunori vincitrice dell’edizione 2018 del Premio Amnesty International Italia di Voci per la Libertà. E del veleno che contamina la vita pubblica e la convivenza civile. E di un’idea, l’idea aberrante del ‘noi contro gli altri’: contro gli altri che, essendo diversi da noi, fanno paura, sono una minaccia da tenere a distanza, da cui difendersi, possibilmente da eliminare. Amnesty International fa davvero tutto quello che può per contrastare il clima di odio che si diffonde nel mondo e che non risparmia neppure il nostro paese, e si sforza di creare antidoti per questo veleno. Ma ha bisogno di alleati e li cerca – e li trova – nel mondo dell’arte e della canzone”. Di seguito alcuni versi della canzone.

“Hai notato che l’uomo nero spesso ha un debole per i cani/ pubblica foto coi suoi bambini vestito in abiti militari/ hai notato che spesso dice che noi siamo troppo buoni e che a esser tolleranti poi si passa per coglioni/ hai notato che gli argomenti sono sempre più o meno quelli: rubano, sporcano, puzzano e allora olio di ricino e manganelli/ hai notato che parla ancora di razza pura, di razza ariana ma poi spesso è un po’ meno ortodosso quando si tratta di una puttana”.

Il premio verrà consegnato all’artista domenica 22 luglio durante il festival “Voci per la Libertà”.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook