Fiorello: il conduttore sotto mentite spoglie del Festival di Sanremo, grande ospite Claudio Baglioni

Fiorello: il conduttore sotto mentite spoglie del Festival di Sanremo, grande ospite Claudio Baglioni

Si dimostra un ottimo conduttore Fiorello e al suo fianco Claudio Baglioni un perfetto ospite che prosegue la serata nel migliore dei modi. Ecco com’è andata.

Il countdown scende a zero e fa il suo ingresso in scena senza nessuna musica o grande presentazione: è Fiorello, ospite al Festival di Sanremo ma conduttore sotto mentite spoglie. Perché il suo ruolo durante la serata è stato chiaro e decisivo, un punto saldo in mezzo ad una squadra molto emozionata e terrorizzata dalla platea dell’Ariston.

Fiorello è uno showman ma, come dichiara durante l’anteprima, il palco di Sanremo fa sentire inadeguato a tutti. Per lui non sembra essere così. Il suo ingresso è acclamato da tutti, da pubblico in sala e da casa che lo osanna come si osanna il conduttore. A lui il compito di riempire il “buco” della Pausini ma non solo, molto di più.

Fiorello ne ha una per tutti, per la politica (che è sempre uno degli argomenti tabù a Sanremo) e la questione Baglioni-Ricci su cui il conduttore ufficiale non si è mai sbilanciato, nemmeno dopo le numerose domande in sala stampa arrivate a raffica. Fiorello mette a posto ogni questione irrisolta, con poche parole, qualche frase, non lascia indietro nessuno.

Una presenza fondamentale.

La serata prende il via con lui che trascina, addirittura organizza un duetto con Claudio Baglioni che sicuramente rimarrà nella storia e ricorderemo negli anni a venire. Standing ovattino e pubblico in piedi, tutti. 

SI sbilancia e parla anche di “puttan tour”, è un vero disturbatore di quiete sanremese e ci ricorda cosa vuol dire fare spettacolo in un Festival come Sanremo. Ripetiamo, lo vogliamo tutti i giorni sul palco dell’Ariston. La serata dal punto di vista dell’entertainment e conduzione prende il volo solo grazie a Fiorello che salva completamente la prima serata.

Dateci Fiorello.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook