Marco Masini dimostra (ancora una volta) di saperci fare

Marco Masini dimostra (ancora una volta) di saperci fare

Abbiamo fatto passare un po’ di tempo dal Festival di Sanremo per dare il giusto spazio ad un artista che ancora una volta ha fatto bene: Marco Masini.

Marco Masini sa il fatto suo. Non lo diciamo di certo noi, basta dare uno sguardo alla sua carriera per rendersene conto. Ciò che vogliamo analizzare è come, nel giro di tre Festival di Sanremo, sia riuscito a trovare sempre la chiave giusta per essere “al passo”.

Perchè diciamolo, non tutti i pilastri della musica italiana riescono a innovarsi, quanti rimangono rinchiusi nei loro testi o sonorità che, seppur validissime, non incontrano il gusto popolare? Molti. E voi lettori avete già qualche nome in mente.

Nel corso degli ultimi tre Festival di Sanremo, tra gli artisti che hanno fatto meglio c’è di sicuro Marco Masini. Nel 2015 con la sua “Che giorno è“, nel 2016 autore del brano di Noemi “La borsa di una donna” e nel 2017 con “Spostato di un secondo“. Tutti e tre brani che hanno raccolto un consenso positivo da pubblico e critica.

Perchè Marco Masini ci sa fare, poche storie, è tra i pilastri della musica italiana capaci di mettersi in gioco in nuove vesti, senza smentirsi. Prendiamo in esempio l’ultimo brano “Spostato di un secondo”, attualmente fra i primi posti delle classifiche radiofoniche.

Il brano è innovativo come pochi, sonorità elettroniche che si incontrano con il suo pop, da qui la sua svolta “elettropop” già sentita in “Cronologia” con il brano “Non è vero che l’amore cambia il mondo“, anche singolo.

Metrica e ritmo ricercati, molta novità, molta avanguardia eppure alla fine del brano viene comunque da dire “Si sente che è Masini”. Noi crediamo che il segreto sia proprio questo, restare al passo, guardare indietro con lo sguardo avanti. Marco Masini ha capito come fare e il risultato si vede, nelle classifiche, nelle vendite e negli incontri con il pubblico sempre numeroso. Essere Artisti.

Da ogni periodo musicale vissuto ha preso il giusto.
Ed è un percorso che troviamo anche all’interno dell’album, pubblicato il 10 febbraio 2017, con 12 brani inediti. Tra pop, elettropop e testi “alla Masini”, c’è coerenza.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook