Appuntamento con la storia del rock: a settembre il ritorno dei The Who con due date italiane  

Appuntamento con la storia del rock: a settembre il ritorno dei The Who con due date italiane   
The Who

 

Si chiamerà “50 Hits” il tour dei The Who, la storica band londinese che con oltre 50 anni di carriera alle spalle suonerà anche in Italia il 17 settembre alla Unipol Arena di Bologna e il 19 al Mediolanum Forum di Milano.

A rispolverare la memoria degli anni più gloriosi del rock saranno in particolare gli unici due membri della formazione originale rimasti in vita: Pete Townshend (chitarra elettrica) e Roger Daltrey (voce).

Si fanno conoscere nel 1965 in tutto il mondo con il loro primo album My Generation dove un’intera generazione si augurava di morire prima di diventare vecchia: “I hope I die before I get old”. Partiti da Londra nei primissimi anni sessanta, oggi i The Who festeggiano oltre mezzo secolo di carriera in cui hanno spianato la strada a tutto quello che è venuto dopo, dal punk al Brit pop,  venendo spesso accostati ad altri due pilastri dai nomi Beatles e Rolling Stones.

La loro storia si fonde anche con quella delle radio pirata quando Radio Caroline da una nave al largo delle coste dell’Essex inizia a trasmettere per prima il loro rock ‘n roll.

Nel 1969 è la volta di Tommy, la prima opera rock completa che il gruppo porterà a Woodstock nello stesso anno; seguono altri album da Live at Leed a Who’s next fino al 1973 con l’uscita di Quadrophenia da cui poi prende vita il film di Franc Roddam nel 1979. Alla fine degli anni 70, dopo la pubblicazione di Who are you, il gruppo subisce un duro colpo in seguito alla morte del batterista Keith Moon. Giusto il tempo di lavorare al successo It’s Hard ed è ora di dire addio anche a Townshend che lascia la band nell’83 per continuare una carriera da solista e solo successivamente collaborare con gli ex compagni in varie occasioni. Per un altro album bisogna aspettare fino al 2006 quando i The Who ritornano con Endless wire. Con l’arrivo di Zak Starkey (Ringo Starr junior) prima e la morte del bassista John Entwistle nel 2002 la nuova formazione della band viene completata con l’arrivo di Pino Palladino, la stessa che vedremo nelle due date italiane.

I biglietti per entrambe le date saranno in vendita dalle 10:00 di domani (venerdì 6 maggio) su www.livenation.it e tramite il circuito TicketOne.

Con i loro settant’anni suonati è probabile che non ci sia da aspettarsi chitarre sfasciate e grancasse che esplodono, in ogni caso sarà un appuntamento immancabile per amanti del rock e della sua storia.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook