Intervista ad Ylenia Lucisano: “Stanotte è un brano di speranza”

Intervista ad Ylenia Lucisano: “Stanotte è un brano di speranza”

A quattro anni dal suo disco d’esordio “Piccolo Universo” Ylenia Lucisano ci racconta del suo nuovo singolo di ritorno Stanotte, testo e musica di Giuseppe Anastasi.

La collaborazione con Anastasi è nata in modo molto spontaneo, lui ha compreso subito il mio stile e il mio modo di cantare e partendo da li ha avuto l’ispirazione per scrivere Stanotte; tra di noi si è creato subito un grande feeling ed è  sempre  bello vedere che un autore come lui scriva per un emergente. Parla della difficoltà di uscire da una relazione sbagliata e del gelo che si crea tra due persone quando comprendono di non amarsi più. È un brano di speranza che non vuole essere triste. La protagonista del brano trova la forza di ribellarsi e di uscire dalla trappola di una relazione che spesso non si riesce a troncare per paura di rimanere sole o perché si teme la vendetta. Nella vita è difficile trovare il tempo per riflettere, spesso la notte è l’unico momento che si ha per prendere delle decisioni importanti, da li anche il titolo del brano.

A simboleggiare il gelo tra due persone che stanno per lasciarsi c’è il video che segna il ritorno alla regia di Domenico Liggeri (Dedicato a te delle Vibrazioni), interamente girato all’interno dell’iBar Cubetto di Milano, locale totalmente scolpito nel ghiaccio.

Lo scorso anno Ylenia si è esibita sul palco del Concerto del Primo Maggio a Roma prima di salire sul palco di nuovo come opening act di due date del “Vivavoce Tour” di Francesco De Gregori e di altrettante del “Ma che vita la mia tour” di Roby Facchinetti.

Sia di De Gregori che di Facchinetti mi ha colpito l’apertura nei confronti delle nuove generazioni e la loro grande generosità artistica, se chiedi un consiglio loro non esitano a dartelo. Osservando da vicino artisti di quel calibro è stato bello percepirne l’emozione prima di salire sul palco, quasi come fosse la prima volta anche per loro. Un duetto con Francesco De Gregori sarebbe il sogno di una vita, La donna cannone è il mio brano preferito, è il brano perfetto dal testo alla melodia.

Ylenia Lucisano nasce a Rossano, in provincia di Cosenza, classe 1989.

Il legame con la mia terra è molto forte, non so come spiegarlo ma ho sviluppato una sorta di sesto senso che mi tiene sempre legata alla mia casa anche se ora vivo lontano in una grande città. La musica popolare calabrese è una fonte di grande ispirazione per me (“Piccolo universo” contiene anche tre brani in dialetto calabrese) ed ho avuto anche il piacere di duettare con artisti locali come Peppe Voltarelli.

Ylenia fa il suo esordio discografico nel giugno 2013 con il brano Quando non c’eri. Sempre nel 2013 sale sul palco del Concerto di Natale a Roma esibendosi insieme a grandi nomi della musica italiana ed internazionale. L’anno scorso vince il Premio Lunezia 2014 per la categoria “Nuove Stelle” mentre a dicembre dello stesso anno arriva il “Capri Exploit Award” come giovane promessa della musica italiana.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook