Elisa, la copertina del nuovo album “On” è un gattino: ma cosa significa?

Elisa, la copertina del nuovo album “On” è un gattino: ma cosa significa?

ELISA_ON_cover (lowres) (2)
Elisa, la copertina del nuovo album “ON”

Elisa sta per tornare con il suo nuovo album “On” dal 25 marzo, oggi ha svelato la copertina e in primo piano troviamo un gattino.

Questa mattina sulle notifiche di Facebook è apparso “Elisa è in diretta“, un avviso che ha fatto piacere a noi ed anche ai fans, più di 7.000 collegati in simultanea. Nel corso della Mention, la cantautrice Elisa ha mostrato a tutti la copertina del suo nuovo album “On” in uscita il prossimo 25 marzo nei negozi, digital stores e piattaforme di streaming. Una grande attesa, un album di inediti in inglese dopo l’Anima Vola in italiano, tutti abbiamo grandi aspettative.

Elisa sta facendo di tutto per farle crescere sempre di più, perchè appena ha mostrato la copertina ci siamo trovati di fronte ad un gattino su sfondo multicolor. La reazione è stata di 3-4 secondi di silenzio imbarazzante, ma non perchè sia imbarazzante, ci ha stupito parecchio. Un gattino. Solo questo, ed in basso a destra la scritta “ELISA – ON”. Tutto questo non fa che aumentare la curiosità di ascoltare cosa ci sarà al di là di quel semplice gattino: il cd.

Ma cosa significa quel gattino? 
Abbiamo fatto una semplice ricerca su Internet e abbiamo trovato, su un sito russo, il gattino in questione. E’ un semplice PNG usato per creare loghi e altro, quindi “il gattino” non è nessun animale fisico, è una semplice immagine montata e modificata per la creazione dell’album. Quindi, a questo punto, possiamo ipotizzare che “il gattino” (la questione si fa sempre più ironica) sia simbolico e che all’interno dell’album ci sia magari una canzone dedicata, per svelare tutto quanto. Durante la diretta su Mention Elisa ha detto “Lo scoprirete quando ascolterete l’album”. Noi attendiamo, intanto possiamo dirvi che non si tratta di nessuna figura “fisica

Queste le parole di Elisa sull’ormai famoso “gattino”: «una creatura semplicemente viva, forte nella propria fragilità – spiega Elisa – capace di suscitare in tutti noi un’emozione pura, diretta, autentica»

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook