Le tre nomination di Jess Glynne ai Brit Awards: lotta con Adele in ben due categorie

Le tre nomination di Jess Glynne ai Brit Awards: lotta con Adele in ben due categorie

Jess Glynne si conferma un’altra volta la nuova icona del pop contemporaneo, con 3 nominations ai Brit Awards: “British Breaktrough Act”, come unica donna, in cui compete tra gli altri con James Bay e Years&Years; “British Female Solo Artist”, categoria di sole donne, in cui si contende il premio con colleghe come Adele e Amy Winehouse; e “British Single” per “Hold My Hand” , giocandosela con Ed Sheeran&Rudimental e la loro “Bloodstream” e (di nuovo) Adele con “Hello”.

Per chi non lo sapesse i BRIT Awards sono dei premi musicali che ogni anno il Regno Unito mette in palio per gli artisti della British Phonographic Industry (associazione che rappresenta le case discografiche della gran Bretagna). Non è mica un riconoscimento recente: la prima edizione risale al 1977 e venne mandata in diretta fino al 1989 quando lo spettacolo, presentato in quell’anno da Samantha Fox e Mick Fleetwood, andò all’aria: papere, pause imbarazzanti ed entrate sbagliate. Da quell’anno, la première venne registrata e messa in onda solamente la sera dopo- e fu decisamente una buona scelta visto che anche negli anni successivi gli errori e le proteste furono numerosissime. Fatto sta che nel 2007, sotto la conduzione di Russel Brand, la tv inglese deciderà di rimandare l’evento in diretta, escludendo però tre categorie (Miglior Gruppo Rock Inglese, Miglior Gruppo Urban Inglese e Miglior Gruppo Pop).

Insomma: a distanza di 39 anni dalla nascita dei Brits, la giovane Jess Glynne si ritroverà su un palco importantissimo per la sua carriera. La consacrazione presso il pubblico italiano, parzialmente avvenuta con il singolo “Hold my hand”, si è conclusa con la partecipazione alla puntata di X Factor Italia del 24 novembre: da allora, Jess ha scalato le classifiche di iTunes Italia, restando tra le prime dieci posizioni per molte settimane di seguito. Lei stessa in un’intervista ha esclamato: “E’ così surreale essere nominata ai Brit! E’ uno show che ho guardato per così tanto tempo che non posso crederci di essere stata nominata”.
Le possibilità per lei di vincere almeno una delle tre categorie sono altissime. E sarebbero ancora di più se non fosse per la ormai onnipresente Adele, che dopo il successone di “Hello” (e il fenomeno mediatico delle pagine Facebook nate per prendere in giro il brano stesso) è ormai ovunque: in radio, in tv, negli iPod e praticamente in qualsiasi categoria di qualsiasi classifica di qualsiasi possibile premio o riconoscimento musicale sulla faccia della Terra.
Non per parlare male di Adele, sia chiaro. La sua voce e i suoi brani sono meravigliosi, lei è una persona stupenda e il suo successo è indubbiamente meritato. Ma fa’ un po’ di spazio anche agli, no?

Scherzi a parte, Jess Glynne e le sue colleghe di nuovissima generazione hanno sulle spalle il peso di una donna come la nostra Adele e rischiano di essere eclissate dalla sua indiscussa e giusta fama.
Ce la farà Jess Glynne a imporsi sulle colleghe Adele e Amy Winehouse?

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook