Sanremo 2015, le pagelle dei Big: funzionano o no i brani della seconda serata?

Sanremo 2015, le pagelle dei Big: funzionano o no i brani della seconda serata?

740x350xsanremo-2015-scaletta-seconda-serata-740x331.png.pagespeed.ic.YUPrU36BD6Si conclude anche la seconda serata, Carlo Conti ripete la formula musica su musica e noi non possiamo che essere d’accordo.
Siamo entrati nel vivo, abbiamo ascoltato le altre 10 canzoni dei Big inedite, saranno meglio queste? E’ la domanda che ci siamo fatti prima della seconda serata del Festival, le nostre pagelle parlano chiaro.
Il padrone di casa Carlo Conti porta avanti la serata sempre in modo molto istituzionale, schematico e con un po’ di tempi radiofonici, meglio così che divagare nel nulla.
I superospiti hanno fatto anche questa sera la loro figura e sono stati momenti molto interessanti, Biagio Antonacci ha eseguito un medley dei suoi successi e ha ricordato Pino Daniele, Charlize Theron si è raccontata al conduttore, Joe Bastianich ha cantato pure in italiano e Marlon Roudette ha fatto ballare con la sua hit When The Beat Drops Out.
Presenti anche il ciclista Vincenzo Nibali e in apertura la compagnia Pilobolus Dance Theatre.

Nina Zilli – Sola
Elegante, molto impostata, porta il brano con leggerezza ma forte interpretazione, dalla Sala Stampa dicono che ricorda Amy Winehouse, troppo azzardato forse ma il pubblico apprezza. La approfondiremo ma non promettiamo nulla.
voto 7

Marco Masini – Che giorno è
Il ritorno di Marco Masini, un’attesa pienamente ripagata perchè il brano è valido, il ritornello rimane in testa, ma può fare di più, da lui vogliamo molto di più, avrà modo di andare avanti, la canzone ci convince e pure l’interpretazione pienamente valida.
voto 8
Anna Tatangelo – Libera
La classe non manca, look a posto, tutta ordinata e precisa. Pure la canzone non è male ma sapete come la definiremmo? Con un, piacevole ma niente di forte o di intenso da una che dice di cercare sempre l’emozione.
voto 5
Raf – Come una favola
Dopo 24 anni ritorna alla kermesse, ma senza voce! Un testo che dice tutto e non dice nulla, dobbiamo capirlo ancora bene, le difficoltà vocali sono evidenti e porta a casa la canzone a fatica. Per ora proprio no.
Voto 4
Il Volo – Grande amore
Famosissimi in tutto il mondo, ma tranne qua. Ciò che propongono sembra una canzone da musical, infatti si dividono le parti come a teatro, preparazione vocale eccellente, arrivano in finale secondo noi e non vogliamo gufare ma siamo realisti, veramente grande qualità.
Voto 8.5
Irene Grandi – Un vento senza nome
Anche lei una veterana del Festival, vince l’interpretazione per un pezzo molto intenso, per lei è come tornare a casa e non è difficile sostenere quel palco, ammirevole, un brano che può crescere.
Voto 7.5
Lorenzo Fragola – Siamo uguali
Per lui è più o meno la terza volta che canta in italiano, durante XFactor lo abbiamo sentito spesso in inglese e poche volte nella sua lingua d’origine, poteva pensarci prima perchè non è mica male quello che sentiamo, anzi ci stupisce e non poco.
voto 7
Biggio e Mandelli – Vita d’Inferno
Quando abbiamo letto il testo ci aspettavamo molto di più, eppure non viene data la giusta importanza, solo nel ritornello sentiamo una crescita ma non decolla, il testo lo permetterebbe ma loro per adesso non molto. Aspettiamo il secondo ascolto.
Voto 6.5
Bianca Atzei – Il solo al mondo 
Ma chi è Bianca Atzei? Sicuramente una più originale di molti altri big e nonostante il suo primo Festival, domina il palco ed è sicura di se, brava al punto giusto attira l’attenzione di pubblico e stampa, tutti noi compresi sono molto stupiti.
Voto 8
Moreno – Oggi ti parlo così
Bello carico l’inizio, i gesti delle mani da perfetto rapper, c’è tutto e pure il brano è molto coinvolgente, in fin dei conti ci stanno lasciando sorpresi i big da cui ci aspettavamo di meno. Meglio o peggio? Lo vedremo nelle prossime serate, per adesso Moreno va alla grande.
Alla fine di tutto ciò il verdetto mette a rischio le canzoni di: Bianca Atzei, Biggio e Mandelli, Moreno e Anna Tatangelo.
Non ci resta che aspettare la terza serata del Festival e continuare a seguire una kermesse piena di novità, tutta all’insegna della musica, finalmente.Marco Rimmaudo
12 febbraio 2015

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook