Rush, il batterista Neil Peart viene eletto miglior batterista progressive di tutti i tempi

Rush, il batterista Neil Peart viene eletto miglior batterista progressive di tutti i tempi

neil peartGrandi notizie per il batterista dei Rush Neil Peart. Secondo un sondaggio, tenuto da Rhythm Magazine, Peart è stato eletto miglior batterista progressive di tutti i tempi.
La decisione è stata presa grazie all’album “Moving Pictures” del 1981, che ha sparato il batterista canadese al primo posto di questa classifica surclassando personaggi come: Phil Collins (Genesis), Carl Palmer (Emerson Lake & Palmer), Nick Mason (Pink Floyd), Bill Bruford (Yes) e Gavin Harrison (Porcupine Tree). ”Peart non si è risparmiato nell’esecuzione di ogni tipo di groove o fill, tutti meticolosamente arrangiati e studiati.” – Ha commentato il Rhythm Magazine riguardo Peart e le sue performance in “Moving Pictures. – “Oltre a possedere una tecnica incredibile, Neil Peart è un batterista dotato di una fisicità e potenza senza pari, è un batterista che non si è mai risparmiato in termini di volume e voglia di affrontare parti estremamente complesse”.
Un titolo più che meritato per il batterista di una della band progressive più influenti di sempre. Ricordiamo, inoltre, che il prossimo mese verrà pubblicato un box set dei Rush dal titolo “R40”. Qui di seguito potete vedere la classifica dei 10 migliori album progressive secondo la rivista Rhythm Magazine:
01- Rush: Moving Pictures (1981) – Neil Peart
02- Dream Theatre: Systematic Chaos (2007) – Mike Portnoy
03- Tool: Aenima (1996) – Danny Carey
04- Genesis: The Lamb Lies Down On Broadway (1974) – Phil Collins
05- Porcupine Tree: Fear Of A Blank Planet (2007) – Gavin Harrison
06- Yes: Fragile (1972) – Bill Bruford
07- Pink Floyd: The Dark Side Of The Moon (1973) – Nick Mason
08- King Crimson: In The Court Of The Crimson King (1969) – Michael Giles
09- The Mars Volta: De-Loused In The Comatorium (2003) – Jon Theodore
10- ELP: Brain Salad Surgery (1973) – Carl Palmer.

Federico Perruolo
07 ottobre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook