Live dei Coma Cose alla Festa Sonica di Largo Venue

Live dei Coma Cose alla Festa Sonica di Largo Venue
https://www.facebook.com/comacose/photos/

Radio Sonica festeggia i suoi due anni e lo fa con un fine settimana ricco di eventi musicali, che rallegreranno la movida romana. Ieri sera, 12 ottobre, è stata la volta dei Coma Cose ospiti nella location di Largo Venue. Stasera, 13 ottobre, la musica si sposta nell’ambientazione del Monk per celebrare, oltre al compleanno di Radio Sonica, quello di BIG TIME – Ufficio Stampa per la musica, che compie 18 anni. Per l’occasione il pubblico avrà in regalo una serata piena di nomi ed ospiti interessanti: The Zen Circus, Tre Allegri Ragazzi Morti, Bud Spencer Blues Explosion, Il Muro del Canto, Rancore, Ilaria Graziano & Francesco Forni, Joe Victor, Dente (& Guido Catalano), Diodato. L’appuntamento è questa sera a partire dalle ore 21:00 a Roma al Monk (via Giuseppe Mirri, 35).

Ma torniamo a ieri sera e alla prima parte della festa di Radio Sonica. Largo Venue, uno spazio urbano che nell’ultimo anno si è affermato per numero di eventi e per i protagonisti della scena musicale che ha di volta in volta ospitato, tra cui l’evento celebrativo dell’etichetta Bomba Dischi, ieri sera ha presentato l’ultima data del tour dei Coma Cose, con cui concludono dopo oltre trenta date l’Estate Tour.

Il duo è formato da un lui, Fausto Lama (Fausto Zanardelli), e da una lei, California (Francesca Mesiano); l’etichetta è la indipendente Asian Fake. Le loro canzoni sono una commistione ben riuscita di generi e stili, dall’Hip-Hop all’elettronica, ma con un riferimento forte e presente al cantautorato tutto italiano, che passa attraverso i nomi di De Gregori, Celentano o Battisti; nel caso di Battisti basti pensare all’omaggio contenuto nel titolo del brano “Anima Latina”. Ad accompagnare i Coma Cose alla batteria, sempre presente nella formazione del live show, i Mamakass, il duo che ha firmato le produzioni di tutti i brani.

Il concerto ha segnato il sold out dal pomeriggio di ieri, a conferma del successo che i Coma Cose hanno riscosso tra il pubblico in poco più di un anno, dal febbraio 2017 quando su Youtube usciva Cannibalismo e a seguire Golgota, Deserto, Jugoslavia; un EP all’attivo, Inverno Ticinese, uscito esattamente un anno fa, il 13 ottobre del 2017, contenente tre tra le tracce più amate, Pakistan, French Fries e Anima Latina. Post-Concerto e Nudo Integrale sono gli ultimi due brani usciti nella primavera 2018.

Milano è la città che costituisce l’immagine più ricorrente nei brani dei Coma Cose, quella Milano che appare, come si conviene alle grandi città, una contraddizione vivente. La cifra del duo è innanzitutto l’originalità dei testi e delle rime, quando il cambiamento di una lettera o di un accento può bastare a modificare il significato. Altra caratteristica che si nota è l’essenzialità, quel tratto minimal che fa la differenza e che rende la loro vena critica ancora più caustica. Cosa che si può scoprire solo dal vivo è, invece, la loro capacità di tenere il palco, essere coinvolgenti e trascinanti, proprio come hanno fatto ieri sera sul palco di Largo Venue.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook