I Negramaro a Messina: una prima volta da oltre 25mila presenze

I Negramaro a Messina: una prima volta da oltre 25mila presenze

 

Energia, bravura ed emozione: tre sole parole per descrivere la penultima tappa dell’Amore che torni Tour dei Negramaro allo Stadio San Filippo “Franco Scoglio” di Messina. L’ultimo appuntamento vedrà ora la band salentina esibirsi venerdì 13 luglio a Lecce allo Stadio Via del Mare, per concludere in casa questo meraviglioso tour.

Domenica 8 luglio i Negramaro hanno totalmente stregato lo Stadio San Filippo di Messina, gremito di oltre 25mila spettatori, che hanno ballato e cantato per circa due ore, sulle note dei grandi classici della band e di alcuni dei pezzi estratti dal nuovo album.

Giuliano Sangiorgi è un vulcano inarrestabile e instancabile, una vera forza della natura, pura energia. Il brano “Fino all’imbrunire” ha aperto il concerto, seguito da “Ti è mai successo?” e “La prima volta”, portando il pubblico in delirio, con una carica di adrenalina durata fino alla fine dello spettacolo.

La parola giusta è proprio spettacolo, perché i Negramaro hanno regalato ieri a Messina una serata indimenticabile e pregna di emozioni, a partire dai brani dedicati al padre del front-man della band, di origine siciliana, fino ad arrivare all’omaggio per Dolores O’Riordan dei Cranberries, scomparsa recentemente.

Nella scaletta anche alcuni pezzi intramontabili, tra cui “Estate”, “Parlami d’amore”, “Basta così”, “Via le mani dagli occhi”, “Mentre tutto scorre” e “Nuvole e lenzuola”. Da brividi il coro dei fan sulle note di “Solo per te”, cantata all’unisono dal pubblico e da Giuliano Sangiorgi, visibilmente commosso alla fine dell’esibizione. Tra i brani, anche “Meraviglioso”, cover di Domenico Modugno.

Durante la serata non sono mancati anche i riferimenti alla situazione attuale dell’Italia e alla questione migranti, con l’obiettivo di chiedere solo più amore e rispetto, con il brano “Per uno come me”, che racconta la storia d’amore tra due naufraghi nel Mediterraneo.

Solo complimenti per tutta la band che, dopo il momentaneo periodo di crisi, è tornata sulle scene musicali alla grande con questo settimo album, un amore che torna, che non è finito e che è adesso pronto a vivere un nuovo inizio. Un concerto che lascia senza fiato, privi di voce ma colmi di emozioni, una serata indelebile nel cuore e nella mente.

Amami anche se non mi conosci
ti prego amami anche se siamo nascosti
amami senza paura del mare
senza respiri più da trattenere
amami e basta senza più sapere se verrò a prenderti lì
e io verrò a prenderti lì.
(Per uno come me)

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook