Diego Fusaro nel direttivo dello IASSP

Diego Fusaro nel direttivo dello IASSP

Il 1 Aprile u.s. lo IASSP (Istituto Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership), ha nominato Diego Fusaro nuovo membro del comitato direttivo.

Una notizia affascinante per noi di 2duerighe che abbiamo avuto modo di conoscere sia Diego Fusaro (in quanto ha partecipato ad alcuni nostri eventi tra cui la bellissima conferenza a Tor Vergata “L’Europa di domani”) che lo IASSP.

Accetto con piacere e onore la nomina nella direzione dello IASSP. Tra i miei auspici vi è quello di poter sviluppare e favorire la ricerca filosofica e politica, valorizzando i temi della comunità democratica, dell’autonomia del politico e della critica dell’economia spoliticizzata. Sono davvero felice di poter dare il mio contributo a questo progetto unico in Italia e di grandissimo valore, che unisce interdisciplinarmente ricercatori e docenti delle diverse aree del sapere”, ha dichiarato il giovane filosofo.

Dalla primavera del 2011 Diego Fusaro è ricercatore in Storia della Filosofia presso la facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. È autore di numerosi saggi di successo tra cui Bentornato Marx! Rinascita di un pensiero rivoluzionario (Bompiani, Milano 2009), Minima mercatalia. Filosofia e capitalismo (Bompiani, Milano 2012, con saggio introduttivo di A. Tagliapietra). Inoltre, ha fondato e dirige uno dei principali siti internet italiani di Filosofia (“La filosofia e i suoi eroi”, www.filosofico.net), punto di riferimento per il dibattito filosofico on line.

Sono molto lieto dell’ingresso del Prof. Diego Fusaro nel nostro board. Non è solo una voce già autorevole nonostante la sua giovane età contro la diffusa retorica che afferma l’immodoficabilità del contingente, cioè che tutto debba continuare così com’è nonostante l’inverno interminabile del nostro scontento. Ma Diego è anche una mente generosa, impegnata attivamente nella ricerca veritativa e nella costruzione di un clima politico concettuale che sappia parlare ancora di umanesimo e quindi di liberazione ed emancipazione”, ha commentato il Presidente dello IASSP Ivan Rizzi.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook