THE FOUNDER | Ray Kroc ruba McDonald’s

THE FOUNDER | Ray Kroc ruba McDonald’s
The founder

THE FOUNDER – Recensione

Non c’è scampo, per le generazioni nate negli anni ’90 Mc Donald’s è sinonimo di nido quasi più della Barilla. Impossibile è essere cresciuti in una città italiana illuminata dalla mania fast food, senza aver mai passato in quei ristoranti almeno un compleanno, una festa di fine anno o, meglio ancora,  dopo aver marinato la scuola.

E se questo è vero per quella generazione MTV spaghettica che siamo noi, figurarsi per chi l’olio delle patatine ormai lo ha nelle vene (e non è propriamente un semplice modo di dire)!

C’era una volta in America – anche questa non del tutto una frase fatta – un carretto di hamburger, che nel secondo dopo guerra rivoluzionava il modo di essere yankee. Da San Bernardino iniziava la conquista del mondo, che oggi vede costellati sul pianeta circa 35.000 ristoranti, di proprietà di uno dei loghi più riconoscibili della società dei consumi, Mc Donald’s.

Protagonista assoluto di questa ascesa è Ray Kroc, venditore di frullatori dell’Illinois che, durante un viaggio d’affari, si imbatte nell’embrione di quel futuro colosso, ne rimane perdutamente innamorato e decide di impadronirsene ad ogni costo.

Michael Keaton veste i panni di Kroc con una sagacia interpretativa tale da risultare in contemporanea un eroe ed un antieroe, il buono ed il cattivo, sé stesso ed il suo contraddittorio, come fosse un’esibizione di stand-up comedy.

Il suo è comunque il viaggio di un eroe nella sua accezione più nota, il fatto è che a bordo della vettura che macina chilometri oltre ad esserci il solito self-made man c’è anche un Joker spietato come un bulldozer. E’ come se il Micheal Keaton che interpretò Bruce Wayne in Batman (1989) decidesse di abiurare parzialmente il suo personaggio e di prender spunto dall’acerrimo nemico, caratterizzato all’epoca da Jack Nicholson.

Ma anche questo trip, come tutte le idee presenti in The Founder, ha un’anima doppia, plurima. E così la storia della conquista di un Graal da parte del protagonista, diventa anche la genesi ed evoluzione dell’oggetto bramato, l’ascesa di un modello alimentare che mischia il fordismo alla fiducia cieca nel sogno americano. Poco importa dunque, se alla base di un brand vincente ed iconico c’è l’azione di un uomo tanto lungimirante quanto scorretto, la genialità ormai non è più sinonimo di valori positivi. L’antieroe è più simpatico dell’eroe, il cinismo è un sentimento più cool dell’amore o del sacrificio, predicare benevolenza e fratellanza non è più vincente.

E a Micheal Keaton cosa importa? Lui tanto è entrambe le facce della medaglia che ha vinto!

Voto: 9/10

Scheda Tecnica di The Founder

TITOLO: The Founder

USCITA: 12 gennaio 2017

PRODUZIONE: FilmNation Entertainment, The Combine

PAESE E ANNO: Grecia 2011

DURATA: 115 min

GENERE: Biografico, storico,drammatico.

REGIA: John Lee Hancock

CAST: Michael Keaton, Linda Cardellini, Patrick Wilson, Nick Offerman

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook