Pericle il Nero, conferenza stampa – Festival di Cannes 2016

Pericle il Nero, conferenza stampa – Festival di Cannes 2016

Pericle il Nero partecipa al Festival di Cannes 2016 nella sezione Un Certain Regard

Cannes 2016
Cannes 2016

Pericle il Nero e’ uscito in sala questa settimana, e stasera il cast passera’ sul tappeto rosso di Cannes. Riccardo Scamarcio scherza sul fatto che Pericle non stia andando bene in Italia eppure è qui con il sorriso

Riccardo Scamarcio: “Stasera vedro’ il film al festival. Rimarrà questa giornata come la conclusione di un viaggio con le persone che hanno fatto con me questo percorso per tre anni. Ne abbiamo parlato proprio qui la prima volta. Si chiude un cerchio. Mi rimane il rapporto con le persone che hanno partecipato. Il personaggio e’ indefinibile e spero che si capisca. Spero che il pubblico empatizzi con lui.”

Stefano Mordini: “Riccardo Scamarcio mi ha chiesto di fare questo film insieme. Per me e’ stata una splendida occasione per parlare di un personaggio scomodo. CI sono una di elementi che rendono questo progetto stimolante. A volte i film non sono solo la fruizione di un autore, ma a volte è quanto questo film ti dia indietro la cosa importante.”

Riccardo Scamarcio: “In tempo non sospetti leggevo il libro ad alta voce, cercavo il ritmo delle cose, nella cadenza napoletana. Questa è stata la chiave per approcciarmi al personaggio. Il gusto cinematografico in Italia è diverso ed è una bella presa di coscienza. Non è un film per tutti. Il nostro disastro di pubblico lo vedo anche positivamente, se si suol dire.”

Un po’ come Orson Welles che faceva film di altri per poi produrre i propri.

Riccardo Scamarcio: “Ci siamo accorti che quello che piace a tutti è sempre di più un cinema consolatorio, che io faccio e mi piace ma è giusto che ci sia anche il resto. Anche perché non è un periodo buono in linea generale. Ai selezionatori di Cannes il film è piaciuto molto, hanno detto che i due interpreti erano formidabili. Si fa difficilmente un’analisi vera e critica di cosa sia un film. Io credo che la dialettica intorno al cinema si sia abbassata se la paragoniamo gli anni ’70.”

Stefano Mordini: “È’ molto difficile in questo momento intercettare un pubblico. Bisognerebbe riparametrare i valori, fa male preparare un film per tre anni e giocarselo in un week-end. Sembra che le distanze siano diventate troppo grandi. Anche il rapporto con la critica è distanziato, con le stellette il rapporto è cambiato. Il vero atto che possiamo fare è iniziare a comunicare. Questo manca in Italia ma si può ottenere con il confronto”

Per vedere la recensione del film clicclate qui: https://www.2duerighe.com/la-dolce-vita-cinema/72816-pericle-il-nero.html

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook