“Sonetti d’amore”: i lunedì del Silvano Toti Globe Theatre

“Sonetti d’amore”: i lunedì del Silvano Toti Globe Theatre
La stagione del Silvano Toti Globe Theatre

Dopo il debutto dello scorso 26 giugno, lo spettacolo Sonetti d’amore andrà in scena per altre tre volte al Silvano Toti Globe Theatre di Villa Borghese in Roma.

Ulteriori tre appuntamenti (10 Luglio, 28 Agosto e 4 Settembre) che consentiranno alla compagnia di continuare a celebrare il mito di una «mente androgina», per dirla alla Coleridge.
Ovviamente, l’allusione è alla trasversalità di una poetica, quella shakespeariana, che come pochissime altre nella storia è riuscita a raccontare l’amore senza barriere di sorta. Non esiste limite al genio creativo di una mente che riusciva a parlare d’eros nella sua complessità, senza la paura di andare oltre le barriere che demarcano un confine, quello del pudore.

Shakespeare era per Coleridge una mente androgina, capace di raccontare i sentimenti di chiunque, al di là del sesso, al di là dei ruoli.
Del resto quella d’amare è un’ esperienza comune, è il motore che più di null’altro spinge gli uomini ad incontrarsi e a scoprirsi. Ciò che affascina però è l’incapacità di trovarsi preparati, quando l’amore accade. I Sonetti di Shakespeare provano a dare un senso a questa incombenza, provano a dare forma ad un sentimento non imprigionabile entro gli schemi di un qualcosa che è già visto.

La stagione del Silvano Toti Globe Theatre

“Amore non muta in poche ore o settimane, ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio: se questo è errore e mi sarà provato, io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato”.

Recita così uno dei versi più famosi del poeta di Stratford Upon Avon, il cui fantasma si aggira tra le travi del Globe di Roma. Sul palco, rigorosamente in legno, il suo volto è impersonato da un Alfonso Veneroso che ne accentua il lato passionale e quasi vittimistico. Ad accompagnarlo in un turbine di passione ed estasi, una Musa interpretata da Melania Giglio, anche autrice della regia.

Ma una nota di merito va data senza indugi a Francesca Mària, nei panni di Dark Lady: la sua è una recitazione che interseca il piano drammatico con uno più spettacolare e d’intrattenimento, proponendo un alternanza tra recitato e cantato che è il ponte tra il sonetto shakespeariano e le musiche di stampo pop, ad opera di Amy Winehouse, Leonard Cohen, Alanis Morissette e Marvin Gaye.

Bentornato teatro d’estate, bentornato Silvano Toti Globe Theatre!    

Silvano Toti Globe Theatre presenta:

Sonetti d’Amore

(10 Luglio, 28 Agosto e 4 Settembre)

Con

William Shakespeare ALFONSO VENEROSO
La sua Musa MELANIA GIGLIO
Il Conte di Southampton SEBASTIAN GIMELLI MOROSINI
Dark Lady FRANCESCA MÀRIA

COSTUMI
Susanna Proietti

DISEGNO LUCI
Umile Vainieri

PROGETTO FONICO
Franco Patimo

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook