Lo spread sfiora i 450 punti. Piazza Affari in leggero calo

Brutte notizie dai mercati obbligazionari. Lo spread Btp/Bund si allarga a 449 dai 437 punti base dell’apertura di stamane, spinto soprattutto dalle notizie provenienti dalla Spagna e dallo storno fisiologico che precede l’asta del nuovo Btp novembre 2022 di giovedì. Sul differenziale, inoltre, hanno influito in parte l’asta della Finlandia e le difficoltà della Catalogna.

Proprio questo pomeriggio, infatti, un portavoce del responsabile economico della Catalogna ha reso pubblica l’intenzione della regione di ricorrere alla liquidità del fondo statale spagnolo, azione considerata necessaria per coprire i debiti che scadranno quest’anno e che si aggirano su una cifra superiore ai 5 miliardi di euro.

Domani, nel frattempo, si terrà la seconda seduta d’asta della settimana. Il Tesoro offrirà 9 miliardi di Bot a 6 mesi, dopo che nella giornata odierna sono stati collocati con successo BTPei e Ctz per 3,75 miliardi di euro. Ma l’attenzione è focalizzata soprattutto sull’asta medio-lungo di giovedì 30, in cui il Tesoro offrirà il nuovo benchmark novembre 2022 in un range da 3 a 4 miliardi con cedola al 5,50%.

Sul mercato azionario, invece, Piazza Affari chiude una seduta interlocutoria, fatta padrona dalle incertezze sulla crescita globale e sulla crisi del debito dell’Eurozona. L’indice FTSE Mib fa segnare un calo dello 0,13%, l’Allshare dello 0,17%. Tra i bancari spicca UBI Banca, con un positivo +4,9%, e Mediobanca, che fa registrare un ottimo +3,7%.

Giuseppe Ferrara
28 agosto 2012

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook