Un cinquantenne croato arrestato in piscina per abusi su minore

La scorsa domenica un cinquantenne croato è stato arrestato dalla polizia locale di Milano,  dopo essere stato colto in flagranza di reato per abusi sessuali, nei confronti di una bimba di sette anni,   a seguito di una segnalazione  di alcune persone presenti nella piscina Argelati.

Come riferito da un comunicato di palazzo Marino, l’uomo aveva a suo carico precedenti penali, ed  è stato arrestato in flagranza di reato mentre palpeggiava una bambina di sette anni. Gli agenti, che si trovavano presso il centro balneare per i controlli di routine, sono stati contattati dalla direzione della piscina, a sua volta allertata di quanto stava accadendo da alcuni bagnanti.

Durante le operazioni di arresto, ci sono stati momenti di tensione,  perché il pregiudicato stava rischiando il linciaggio da parte dei cittadini infuriati per quanto successo. Sul posto interveniva il Comandante Tullio Mastrangelo e dopo le prime verifiche è scattato l’arresto, poi confermato dal Pm di turno Daniela Bartolucci.

Il Sindaco d’agosto Cristina Tajani e l’assessore al Benessere, Qualità della vita e Sport Chiara Bisconti in merito hanno dichiarato: “Il pronto intervento della Polizia locale, in collaborazione con il personale di Milano Sport  ha consentito di assicurare alla giustizia l’artefice di questo odioso reato. La vigilanza su parchi e impianti sportivi è stata potenziata in queste settimane estive per consentire ai milanesi di utilizzare questi luoghi di ristoro in sicurezza e serenità”.

S.D.
21 agosto 2012

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook