Tragedia al 47° Rally di Lucca: due morti

Al  Rally Coppa Città di Lucca, nella notte uno spaventoso incidente a bordo della Peugeot 207 S2000, che gareggiava con alla guida Valerio Catelani, 37 anni e la navigatrice Daniela Bertoneri, 34 anni, morti entrambi carbonizzati nell’auto che si è  incendiata dopo un’uscita di strada. I due sfortunati erano una coppia non solo nello sport, ma anche nella vita e da tempo avevano una relazione sentimentale, che tragicamente li ha visti rimanere uniti anche nella morte.

A Forte dei Marmi, nella Versilia, dove insieme i due gestivano un bar nel centro, stamattina nell’apprendere la notizia sono rimasti attoniti i tanti che conoscevano i due giovani, molto noti perchè da  anni prendevano parte a diverse gare che si svolgono in tutta la Toscana.

Proprio prima di prendere parte al Rally di Lucca, Catelani, aveva dichiarato all’ufficio stampa dell”oganizzazione sportiva, di voler prendere confidenza con questo modello di Peugeot, con la quale finora aveva corso solo poche volte.

Secondo una prima ricostruzione la vettura, col numero 7, era partita dallo start alle 4.12 e l’incidente è avvenuto circa due minuti dopo, quando il veicolo è uscito fuori strada ad una curva a sinistra, veloce e stretta e, dopo aver buttato giù un muretto, si è incastrata in un avvallamento sotto il piano stadale incendiandosi. Per i due  occupanti, rimanendo imprigionati all’interno, non c’è stato scampo. I primi soccorsi sono stati portati dal pubblico presente in quel tratto e dagli altri equipaggi in gara, che hanno usato gli estintori di bordo per tentare di spegnere il fuoco.

La prova speciale di Brancoli è stata interrotta non appena gli ufficiali di gara hanno comunicato di non aver visto transitare la vettura ai punti prestabiliti, facendo scattare il piano dei soccorsi e inviando sul luogo dell’incidente il team sanitario e tecnico ed anche vigili del fuoco e polizia stradale, che non potevano far altro che constatare l’avvenuta tragedia.

Sebastiano Di Mauro
22 luglio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook